10 piante da tenere in casa per purificare l’aria

 

Si sa che le piante hanno tanti aspetti positivi: rallegrano l’ambiente con le loro foglie lussureggianti, prendersene cura è un’ottima terapia anti stress, regolano il livello di umidità degli ambienti, restituiscono ossigeno assorbendo l’anidride carbonica, tramite la fotosintesi clorofilliana. Ma alcune di loro, in particolare, hanno anche un’altra caratteristica importantissima: sono in grado di neutralizzare le sostanze organiche volatili grazie all’azione di alcuni enzimi detti metilotrofi.
L’inquinamento domestico è provocato da molti prodotti che utilizziamo abitualmente e che rilasciano nell’aria sostanze tossiche, ad esempio il fumo dei camini, di sigaretta, gli spray deodoranti, le lacche per capelli, insetticidi, vernici, collanti e molti altri. Tutti questi elementi possono causare allergie, giramenti di testa, stati di affaticamento, asma e altre complicazioni molto serie.

L’ideale sarebbe cercare di ridurre notevolmente l’uso di questi prodotti, scegliendo quelli che impattano meno sull’ambiente rilasciando un numero inferiore di agenti tossici e, magari, posizionare all’interno della casa alcune piante che possono aiutare a ridurre l’assorbimento di questi inquinanti.

Conosciamo queste piante!

1- Crisantemo (Chrysantheium morifolium)

Il crisantemo riesce a filtrare il benzene contenuto nelle vernici, nei detersivi, in molte plastiche. Presenta delle bellissime infiorescenze colorate, ne esistono molte varietà, veramente per tutti i gusti. Non necessita di molte cure, ma sicuramente per fiorire ha bisogno di molta luce; sarà bene quindi posizionarlo in luoghi luminosi, magari vicino a una finestra.

Grande crisantemo
La fioritura vistosa del crisantemo

2 Aloe (Aloe vera)

L’aloe è una pianta cosiddetta succulenta, in grado di incorporare nei suoi tessuti molti liquidi, che poi assorbe lentamente, per poter sopravvivere anche in ambienti aridi. Crescere in appartamento per lei non sarà quindi un problema, basta posizionarla vicino a una finestra ben illuminata. Ci aiuterà a eliminare il benzene e la formaldeide.

aloe-vera-piccola
L’aloe ha un alto potere lenitivo e rinfrescante

3 Sansevieria (Sansevieria trifasciata)

È tra le più efficaci nell’assorbire gli agenti tossici presenti nell’aria. Le sue lunghe foglie carnose assorbono in particolare la formaldeide, contenuta nei classici detergenti per la pulizia. Può essere sistemata anche all’ombra o in aree meno luminose. Non ha bisogno di cure particolari ed è molto resistente. Il suo aspetto inoltre è molto decorativo.

Snake_Plant_(Sansevieria_trifasciata_'Laurentii')
Per la forma delle foglie è anche detta “Lingua della suocera”

4 Pothos (Scindapsus aures)

Anche questa pianta, molto comune, è un’ottima alleata contro la formaldeide. È un rampicante che può essere coltivato sia come ricadente che come rampicante, se dotato di un tutore. Le foglie, dal verde brillante e intenso, la rendono, insieme alla facilità di coltivazione, una pianta molto consigliata anche a chi proprio non ha il pollice verde! Teme la luce diretta del sole, quindi meglio tenerla lontana dalle finestre, va bene anche l’ombra.

scindapsusaureus
Pothos usato come ricadente

5 Dracena (Dracena marginata)

Questa pianta riesce a filtrare molte sostanze tossiche, come xilene, tricloroetilene e formaldeide presenti in lacche e vernici. Le lunghe foglie appuntite dai margini rossastri, molto decorative, crescono su un fusto che può arrivare anche a un’altezza di diversi metri.

È una pianta di origine tropicale e per crescere bene necessita di un clima leggermente umido; per questo sarà preferibile non accostarla troppo alle fonti di calore diretto, come i termosifoni, che seccano l’aria, o in zone di correnti fredde. Evitate i ristagni d’acqua nel sottovaso!

dracena
Aggiungi un tocco di colore alla casa con la Dracena

6 Azalea (Rhododendron simsii)

L’azalea è una bellissima pianta dalle infiorescenze colorate. È un arbusto nano, può essere sempreverde o caducifoglio. Esistono moltissime varietà, che danno fioriture molto belle, sui toni del fucsia, rosso, ma anche bianco o variegate. Fiorisce in primavera.

Assorbe in particolare la formaldeide contenuta negli isolanti o nelle vernici, necessita di un luogo fresco e molto luminoso.

azalea
I bellissimi fiori dell’Azalea

7 Ficus (Ficus benjamina)

È una pianta di origine asiatica che può raggiungere i 30 metri di altezza, ma, niente paura, in casa al massimo arriva a un metro o poco più! Ha delle foglioline leggere, di un bel verde brillante, e una chioma densa. Il fusto, di colore chiaro, è spesso costituito da più fusti attorcigliati tra loro. Ama gli ambienti caldi e luminosi e necessita di annaffiature regolari. È molto efficace nell’assorbire formaldeide, tricloroetilene e benzene.

ficus-benjamina
La luminosa freschezza del Ficus

8 Spatifillo (Spathiphyllum Mauna Loa)

I suoi candidi fiori ricordano un giglio, è una pianta molto graziosa, dalle lunghe foglie verde intenso. È abbastanza facile da coltivare e se annaffiata regolarmente e posta in penombra regala delle belle fioriture abbondanti. Ma lo Spatifillo non è solo decorativo: è anche capace di assorbire benzene, formaldeide, tricloroetilene, toluene e xilene. Un vero prodigio della natura!

Spathiphyllum-wallisii
Candidi fiori come gigli

9 Falangio (Chlorophytum comosum)

Il falangio è adattissimo a chi ha poco tempo e poca capacità con le piante: cresce praticamente da solo, non necessita di cure particolari, è molto resistente e poco soggetto a malattie, ha solo bisogno di molta luce. Le sue foglie nastriformi, dal duplice colore verde chiaro e crema, sanno assorbire benzene, ossido di carbonio, formaldeide e xilene.

falangio
L’allegria del Falangio!

10 Edera (Hedera helix)

L’edera è davvero formidabile nel purificare l’aria. È in grado di assorbire la formaldeide, il biossido di azoto e molte polveri sottili. È una pianta rampicante, molto comune. È robusta, poco soggetta a malattie e parassiti, necessita di posizioni ombreggiate. Solitamente cresce all’esterno, ma può essere messa a dimora anche al chiuso, tenendo però presente che le sue radici aeree, munite di ventose, si attaccano ai muri, provocando danni all’intonaco. Potrebbe essere ottima in una terrazza chiusa o un jardin d’hiver.

Hedera helix
Foglie d’edera

 

di Maddalena Franzosi