5 trucchi per scrivere un curriculum vitae in lingua inglese

 

Come preparare il curriculum perfetto in lingua inglese? Non pensate che si tratti di un’impresa impossibile. Anche in questo caso, così come avviene in italiano, è fondamentale puntare alla chiarezza espositiva ed alla semplicità, riuscendo a fornire in poco tempo le informazioni più utili sui propri skills e sulle proprie competenze.
Il Regno Unito non ama le leziosità: per questo un curriculum ricco di dettagli e lungo 5 o 6 pagine è il primo errore da evitare. Superare la concorrenza spietata nella ricerca del lavoro è possibile se si riesce a redigere un curriculum di tutto rispetto, che rispecchi completamente le vostre caratteristiche. Non c’è niente di impensabile: basta seguire soltanto alcune semplici regole e piccoli accorgimenti.

curriculum_inglese_1
Cv in inglese

1. Evitate di usare Google Translate: il curriculum in inglese non è una semplice traduzione

Sarebbe bello, vero? Prendete il vostro curriculum in italiano, inserite tutto nel traduttore di Google e via…il gioco è fatto. Purtroppo per voi non è così. Evitate di utilizzare anche il classico formato Europass, perché si tratta di un’impaginazione ormai obsoleta: qui vi abbiamo consigliato i visual tool più utili per un curriculum di successo.

2. La cover letter ed il résumé: i format giusti per fare colpo

Come dare una spiegazione sintetica e concisa di cosa siete in grado di fare, di cosa avete fatto e del perché vi state candidando a questa offerta di lavoro? Condensate tutto nella stesura di una cover letter, un po’ quella che può essere considerata come la nostra lettera di presentazione. Gli inglesi non amano i giri di parole. Quindi, andate dritto al punto: elencate i vostri punti di forza e le competenze acquisite, motivate tutte le esperienze durante il vostro percorso. Siate formali, ma non troppo. Inoltre, non dimenticate di non utilizzare mai le forme grammaticali contratte.

In America e in Canada amano il résumé, una forma di curriculum abbreviata, un modello single page che riassume graficamente tutti i dati necessari, dalla formazione agli hobby, dai recapiti personali alle esperienze lavorative. Eccone un esempio!

3. Date ampio spazio alla Work experience e solo dopo all’Education

Qualsiasi sia l’offerta lavorativa per cui vi state candidando, prestate enorme attenzione al campo delle esperienze lavorative. Le cosiddette work experiences potranno fare realmente la differenza e dovranno essere elencate prima del campo riservato all’educazione, proprio perché i recruiters vorranno sapere cosa siete capaci di fare, oltre che cosa avete studiato e quali corsi di formazione avete frequentato. Non dimenticate i buchi di attività, i tempi morti. Se tra un’esperienza lavorativa e l’altra sono trascorsi mesi o addirittura anni, motivatene il perché nella cover letter. In questo modo, i selezionatori non penseranno che siete degli scansafatiche.

4. Non scrivete mai in prima persona e nessuna opinione personale

Il curriculum, anche in lingua, necessita di formalità e regole ben precise. Abbiate cura nell’evitare di scrivere in prima persona, anche nella cover letter, e cercate di non dare opinioni personali in merito a ciò che avete fatto o le aziende in cui siete stati. Dovete semplicemente raccontare con rigore e coerenza le vostre esperienze evidenziando i vostri punti di forza.

5. Se non sapete come fare c’è sempre Linkedin

Un buon modo per preparare un curriculum in lingua inglese è con l’aiuto di LinkedIn. Infatti, questo social network consente agli utenti di inserire in campi predefiniti tutte le proprie esperienze lavorative dando vita ad un curriculum ricchissimo, ma soprattutto dinamico con l’utilizzo di link, con il caricamento di documenti, attestati e tanto altro. Inoltre, la piattaforma vi consente di avere anche un curriculum in lingua inglese. Nell’era del Social recruiting ci sembra giusto farvi aprire gli occhi sulle enormi potenzialità del social professionale.

 

 

di Valentina Varlese