8 cose da imparare da chi è sempre puntuale

 

Ci sono persone che proprio non ci riescono.
Tutte le volte che hanno un appuntamento, scatta il ritardo, che può essere di 5, 10 minuti oppure ore. Quando arriva il momento di uscire, puntualmente (e qui è proprio il caso di dirlo) ci si perde in sciocchezze che si trasformano in cose di primaria importanza. C’è chi sostiene sia solo maleducazione, gli psicologi invece parlano di problemi con l’autorità.
E se fosse una questione di disorganizzazione?

Ecco qualche segreto (da fare proprio) da chi è sempre puntuale.

Organizzare gli outfit della settimana

guardaroba
Pianificare l’abbigliamento della settimana

Dite la verità, quanto tempo sprecate per scegliere un vestito, per abbinare il sopra con il sotto e soprattutto per decidere quale tipo di scarpa sia più adatta? Potreste organizzare l’armadio in modo un po’ in solito: nel weekend abbinate degli outfit e li appendete (pantalone/gonna – camicia/maglione/t-shirt o giacca) sulla stessa gruccia.

Lavorare per liste

todolist
Fare liste

Fare le liste è noioso, concordo, però è molto utile. Ci devono essere almeno tre calendari nella vita di una persona: quello della spesa, quello degli appuntamenti (personali, professionali e magari anche medici) e quello con le attività (pagare le bollette, buttare l’immondizia, ecc). Appendeteli in un posto sempre in vista, come il frigorifero.

Calcolare anche i tempi intermedi

caffe
Mai dimenticare la pause caffé

Che cosa vuol dire? Se sapete che per andare in ufficio avete bisogno di un viaggio di 30 minuti, non potete mettervi in macchina 30 minuti prima di arrivare e poi fermarvi a comprare il giornale o a bere il caffè. Calcolate anche questi tempi intermedi. Per esempio, valutate che la zona ha poco parcheggio o che a una determinata ora il traffico è più intenso.

 Avere un anticipo di 15 minuti

Arrivare in anticipo non è divertente, perché poi bisogna attendere. È importante però valutare che ci sono spesso dei quadri astrali sfavorevoli. Di solito i terremoti, le inondazioni si manifestano proprio poco prima di un nostro appuntamento importante. Viaggiare con 15 minuti di anticipo in alcuni casi vuol dire solamente prevenire certi problemi.

Non perdere tempo su internet

post-it
Non perdere tempo online

Navigando si possono passare le ore, senza produrre nulla. Una chat aperta, una “curiosità” su Facebook, un po’ di shopping estemporaneo (ma a certi sconti è difficile resistere) e il pomeriggio se ne va. Ritagliatevi uno spazio ben definito all’interno della giornata per svolgere questa attività, possibilmente la sera, quando avete finito tutto il resto.

Utilizzare un timer

essere in ritardo
Pianificare in base ai tempi

Può essere angosciante, però è l’unico modo per valutare il proprio tempo. Quanto ci vuole a farvi la doccia e a vestirvi, lo avete mai calcolato? Quanto impiegate a preparare la pasta? E a vestire i bambini? Fate un esperimento usando un timer o una sveglia. Così potrete avere consapevolezza delle vostre attività.

Sfruttate le app

smartphone
Aiutatevi con le app

I telefoni ormai fanno anche il caffè. Ok, non proprio, però ci sono numerose app per pianificare le proprie attività utilissime. Imparate a sfruttarle, possono essere davvero d’aiuto.

Imparare a dire di No

no
Imparare a dire no

Spesso il ritardo è causato dal vizio di dire sempre sì. Accumulare lavoro all’ultimo momento è una pessima idea. Ci si stanca troppo, non si produce come desiderato e in alcuni casi si fa anche la figura di quelli troppo disponibili. Esercitatevi a dire no, vivrete meglio.

 

di Mariposa