Allarme per le app che condividono i nostri dati senza permesso

 

Quanto sono protetti i nostri dati personali su smartphone e tablet? Poco in alcuni casi: questo è quello che afferma una recente ricerca del Mit e degli atenei di Harward e Carnegie-Mellon condotta su 110 applicazioni disponibili su Google Play e App Store. La ricerca ha svelato che alcune app condividono i nostri dati personali con altre piattaforme e con terze parti senza nemmeno chiedere esplicito consenso agli utenti. E le applicazioni per Android di Google sono quelle che mettono maggiormente a rischio la nostra privacy.

smartphone1
Le app di Android sono meno sicure di quelle per iOS

La ricerca ha scoperto che sono più “spione” le app per Android di Google rispetto a quelle per iOS di Apple. Ma cosa condividono a nostra insaputa? Nome e indirizzo mail (73% della app Android, 16% delle app iOS), dati di localizzazione (47% iOS, 33% Android) e così via.

I ricercatori hanno rilevato che tre applicazione di salute e fitness su 30 analizzate condividono cnon terze parti quello che gli utenti cercano online e i dati immessi nelle app.

Dati personali e mail sono i dati sensibili più condivisi a nostra insaputa

Secondo l’associazione Privacy International, così facendo i nostri smartphone e i nostri tablet, di fatto, ci tradiscono.

Ecco, allora, un video del Garante della Privacy per tutelare i nostri dati personali su smartphone e tablet:

di Redazione