Chi ti vuole ti cerca, se gli manchi sa dove abiti

Chi ha inventato la storiella che se lui non ti cerca è perché gli piaci da impazzire, non doveva avere tutte le rotelle apposto. Dai, riflettiamoci bene: se un uomo (o una donna, il discorso vale ugualmente) non si fa sentire, non ci cerca, non si interessa di sapere come stiamo, come vanno le nostre giornate, cosa stiamo facendo, davvero pensate che lo faccia perché è davvero interessato a noi? Lo capirebbe anche un bambino che un comportamento così è messo in atto solo ed esclusivamente da chi non vuole avere niente a che fare con noi e non ha il coraggio di dircelo in faccia.

Se non ti cerca, non ne vale la pena!

E allora, mie care donnine, smettiamola di correre dietro a quel ragazzo che ci ha fatto girare la testa, ma che, dopo il primo appuntamento, si è dato alla latitanza: no, non lo fa perché è irrimediabilmente innamorato di noi, lo fa perché forse non gli interessiamo tanto quanto lui interessa a noi. Non pregate nessuno di stare con voi e non cambiate per far contento l’altro: se non vi cerca e non vi accetta per quello che siete, non ne vale la pena.

Questo non è amore, non è essere una coppia, questo è illudersi che l’altra persona provi davvero quello che noi proviamo per lui, illudersi che lui si strugga e soffra come facciamo noi, che pensi al futuro in nostra compagnia, illudersi che siamo fatti per stare insieme. Questa è solo una crudele illusione, che alla lunga può ferirci.

E allora ricordiamolo sempre: se davvero tiene a noi, non sta alla larga, se vuole stare con noi sa dove abitiamo e sa il nostro numero di telefono… E no, le amnesie succedono solo nei film, non nella vita reale!