Chip sottopelle per essere identificati al lavoro: succede in Belgio

Vi fareste mai impiantare un chip sottopelle per essere identificati al lavoro? E’ quello che sta succedendo in Belgio, dove 8 dipendenti dell’azienda Newfusion, che si occupa di marketing digitale, hanno aderito volontariamente a un nuovo progetto, che prevede l’impianto di chip nella pelle del braccio. A cosa servono? A essere identificati, a poter accedere all’ufficio e per poter usare i computer. Non bastavano più i classici badge o le password, ci voleva addirittura il chip sottopelle?

Un chip sottopelle per lavorare...

La notizia, ovviamente, ha destato scalpore in tutto il mondo: i dipendenti si sono fatti impiantare il chip sottopelle (grande come un chicco di riso e posizionato tra pollice e indice della mano) che funziona come badge di identificazione, per entrare al lavoro, in ufficio e per accedere al computer.

Vincent Nys, direttore dell’azienda, precisa che nessun dipendente è stato obbligato a farlo e nesusno lo sarà in futuro: chi non lo vuole, verrà dotato di un anello che ha lo stesso identico funzionamento. Tutto è nato da un dipendente che dimenticava spesso il badge e Nys sottolinea che in termini di privacy è più pericoloso un iPhone di un chip.

La tecnologia rende più facile la nostra vita quotidiana. Non bisogna provarne paura, è sufficiente sperimentarla“.

Voi accettereste mai?

di Redazione