Come capire se i nostri cari sono stati colpiti dalla demenza senile

Sappiamo bene cosa sia la demenza (o la “senilità” come viene spesso definita). Abbiamo avuto tutti amici o parenti anziani che hanno sofferto di questa patologia. Di fatto, si tratta di vari disturbi psichiatrici che colpiscono i pazienti in età avanzata, tra cui il Parkinson, l’Alzheimer e la malattia di Huntington.

Tutti sanno che si tratta i disturbi non curabili e degenerativi. Se sono scoperti in tempo e con l’aiuto di terapie specifiche, di un regime alimentare adeguato abbinato a uno stile di vita salutare, queste patologie possono essere rallentate. Ma come si fa a capirlo in anticipo? La risposta è semplice: bisogna capire i segnali, 12 per l’esattezza, che indicano uno stato di pre-demenza.

 

1. La memoria

La perdita della memoria è fisiologica ma se vi accorgete che il vostro anziano genitore fa fatica a ricordare quello che ha fatto il giorno prima ma, al contrario, si ricorda bene quello che faceva quando aveva 20 anni, portatelo a fare un controllo. Spesso le persone affette da demenza fanno fatica a riconoscere i luoghi e le persone.

2. La comunicazione

Dovete insospettirvi se vedete che non trovano le parole durante le conversazione… quel famoso “mi sta sulla punta della lingua” è un campanello d’allarme che indica problemi all’area di Broca, che è la parte del cervello responsabile del linguaggio.

3. Il controllo dell’umore

Anche la depressione è un segnale da non ignorare. Altri segnali sono l’agitazione e l’aggressività non motivate.

4. L’apatia

Un altro segnale da prendere sul serio è la sonnolenza. Se poi alla stanchezza si aggiunge anche l’apatia e la perdita d’interesse per la vita di tutti i giorni, dovete cominciare a preoccuparvi.

Ecco un video in cui il dott. Giovanni Frisoni, neurologo e riconosciuto esperto internazionale, ci spiega alcuni aspetti della demenza

5. La presa di decisioni

Questo sintomo è meno evidente ma è un segnale da non ignorare: la difficoltà a prendere decisioni che spesso, viene associata a problemi di memorizzazione dei numeri.

6. La routine giornaliera

Per chi è affetto di demenza senile vivere la vita normalmente è complicato. Possono sorgere problemi con l’organizzazione delle attività giornaliere.

7. Il senso del tempo

La demenza fa perdere la cognizione del tempo.

8. Il senso dell’orientamento

Questo segnale è spesso associato alla perdita della cognizione del tempo. I pazienti non sanno dove sono e da quanto tempo si trovano lì.

9. La scrittura

Per queste persone, scrivere due righe può essere un’impresa.

10. La ripetizione

Quando il vostro genitore racconta varie volte l stessa cosa, anche a distanza di poche ore, dovete preoccuparvi e portarlo a fare un controllo.

11. L’attitudine al cambiamento

Il loro smarrimento li porta a sperimentare un senso di paura davanti a tutto ciò che non conoscono.

12. La concentrazione

La senilità impedisce al cervello di seguire le azioni senza interruzioni quindi per le persone che ne sono affette da questa patologia non riescono a concentrarsi per guardare un fil o leggere un libro.

Per concludere, se notate uno di questi segnali nei vostri cari o in voi stessi, parlate con il vostro medico.