Come essiccare le erbe aromatiche per utilizzarle tutto l’inverno

 

Le erbe aromatiche sono ottime per insaporire anche i piatti più semplici, per dare profumo all’ambiente o ai capi riposti nei cassetti. Il loro massimo splendore lo hanno raggiunto durante l’estate e spesso, all’avvicinarsi del freddo cominciano a soffrire un po’. Prima che le piantine perdano il loro vigore sarà bene raccogliere un po’ di rametti da essiccare, per conservare tutta la loro fragranza anche durante i mesi invernali.
Il momento migliore per raccogliere i rami è la mattina molto presto, quando la rugiada comincia ad asciugare. Questo è importante perché la fragranza delle erbe aromatiche è conservata negli oli essenziali, che deperiscono facilmente se esposti alla luce e al calore. Ecco perché le prime ore del mattino, ancora fresche, sono ottimali per la raccolta.

rosemary-919234_1280
Erbe appena raccolte

Come essiccarle

Facciamo dei piccoli mazzetti con i ramoscelli che abbiamo raccolto e leghiamoli con un elastico (uno spago potrebbe scivolare via a mano a mano che la pianta, essiccandosi, perde volume). Poi appendiamoli a testa in giù ad un filo, in un luogo asciutto e lontano dai raggi diretti del sole.

herbs-478060_1920
I mazzetti appesi ad essiccare

Le piante dovrebbero essere ben secche dopo una settimana. Evitiamo di fare mazzetti troppo grandi per permettere all’aria di circolare meglio tra i ramoscelli. Per capire se la pianta non conserva più umidità, tocchiamo delicatamente le foglie: se hanno una consistenza cartacea allora sono pronte!

oregano-321033_1920
Origano essiccato

Una volta sicuri che siano ben asciutte, stacchiamo delicatamente le foglioline dai rami e raccogliamole in barattoli di vetro ben chiusi. Ricordiamoci di riporli lontano dalla luce diretta del sole.

Sotto sale

Alcune piante non si seccano bene all’aria, meglio allora utilizzare il sale. Stacchiamo le foglioline e mettiamole in un barattolo con del sale fino, a coprirle completamente. In questo modo l’umidità verrà assorbita dal sale, preservando la pianta.

Il consiglio in questo caso è di creare dei mix aromatici, pronti per essere usati in cucina, direttamente nelle pietanze. Otterrete un sale molto aromatico, perfetto per la carne o il pesce!

Le piante da utilizzare per questo metodo sono il rosmarino, prezzemolo e coriandolo, ma anche origano e timo.

Al microonde

Un altro metodo molto rapido e facilissimo da eseguire è l’utilizzo del microonde!

Disponiamo le foglie da essiccare su un panno di cotone pulito e asciutto e copriamole con un paio di strappi di carta assorbente da cucina.

Mettiamo nel microonde ad alta temperatura per circa un minuto. La maggior parte delle piante sarà pronta, in caso di erbe con foglie più coriacee possiamo ripetere per ulteriori 20/30 secondi. Le foglioline più sottili, invece, richiederanno tempi di massimo 40 secondi. In ogni caso saranno pronte quando al tatto risultano secche e tenderanno a frantumarsi.

20150317-drying-herbs-storage-2
Foglie tra due panni di cotone

Non solo in cucina!

Naturalmente con questi semplicissimi metodi possiamo essiccare non solo le erbe da cucina, ma anche altre essenze per profumare la casa o la biancheria. Prima tra tutte la lavanda!

Possiamo appendere dei mazzetti e lasciarli essiccare come abbiamo appena visto, o riporre piccoli ramoscelli tra le pagine di un libro, naturalmente tra due strappi di carta da cucina, per evitare che si macchino le pagine.

Dobbiamo stare attenti in caso volessimo conservare anche i gambi, che anche questi siano ben asciutti, altrimenti possono ammuffire e con loro i fiori.

Una volta ben essiccata possiamo farci dei sacchettini profumati da riporre nei cassetti della biancheria o un profumatissimo olio essenziale da aggiungere a maschere di bellezza o oli da massaggi. Scopri come in questo video:

lavender-730271_1280
Profumatissima lavanda

di Maddalena Franzosi