Come fare foto e video per un blog di moda

 

Qualche giorno fa vi avevamo mostrato alcuni accorgimenti utili per realizzare foto e video adatti a un blog di cucina.
Il tema di oggi è simile, si parla sempre di blog, foto e video, ma a cambiare è il tema, passando dal food al fashion. Anche in questo caso avrete a che fare con una grande concorrenza, molto più agguerrita rispetto ai blog di cucina, quindi ecco alcuni suggerimenti per iniziare subito al meglio!
Come regole generali valgono ovviamente quelle che vi avevamo elencato nell’articolo precedente, quindi sito responsivo, una grafica accattivante e una buona divisione degli argomenti utilizzando i tag giusti.

Foto

I tipi di fotografia che appaiono in un blog di moda sono molti di più rispetto a un blog di cucina e ogni tipologia viene inserito in un tipo di post diverso.

Per i post sulle ultime tendenze ed eventi importanti potete utilizzare foto che trovate sul web: le immagini per un post sui trend delle passerelle o migliori prodotti della stagione possono essere tutti reperite direttamente sui siti dei prodotti e delle case di moda, ricordatevi SEMPRE di mettere i crediti.

rouge dior brillant
Rossetto Rouge Dior Brillant, immagine trovata su Dior.com

Per i post sui prodotti provati dovrete essere voi a scattare la foto. Stavolta non c’è una regola precisa se non quella di dare risalto ai soggetti: utilizzate una buona fotocamera e studiate la composizione della foto in base al luogo in cui verrà messa (bassa e larga come header del post, quadrata per Instagram ecc…)

styleandtrouble
Composizione quadrata perfetta per Instagram. Foto di Carlotta Styleandtrouble.com

Outfits. Qui si apre una grande parentesi, la più importante probabilmente. La cosa migliore sarebbe mostrare i vostri look in fotografie realizzate assieme all’aiuto di un fotografo: non deve essere per forza un professionista, del resto quante sono le blogger agli inizi che posso permettersi di pagare un fotografo? Una bella idea potrebbe essere quella di cercare qualche giovane talento locale disposto a collaborare con voi: è un modo per crescere insieme in un progetto.

the blonde salad
Chiara Ferragni in una foto di Theblondesalad.com

Se proprio non potete (o volete) farvi aiutare da qualcuno dovrete disporre di: un bel set per le fotografie (basta anche un angolo di casa vostra con la giusta luce e il giusto set), una macchina fotografiche di medie-alte prestazioni, nozioni su come usare la suddetta fotocamera e un cavalletto. Il resto è tutto autoscatto.

Qualsiasi scelta abbiate fatto, una buona abitudine è inserire nel fondo del post dedicato all’outfit marca ed eventualmente link degli abiti, scarpe e accessori che indossate.

Video

Sono tante le tipologie di video che una fashion blogger può fare, soprattutto in base a quanto ampio è il suo raggio d’interesse. Che il video sia un tutorial o un video haul (i video dedicati ai vostri acquisti) ricordatevi sempre tre regole: luce, messa a fuoco e audio.

Se potete fare l’investimento per una videocamera, sceglietene una in HD con il display preview regolabile e il telecomando integrato: con uno schermino snodato potrete sempre tenere sotto controllo l’inquadratura, mentre con il telecomando potrete gestire parametri come esposizione, zoom e messa a fuoco senza dovervi alzare.

b63dd81c9abacf0a1f36270e97b88d87
Handycam Sony HDR-CX240E
97df5ecfc901070acee63742d2bbe1e1
Handycam Sony HDR-CX240E

Se volete risparmiare e avete a disposizione un buon smartphone, potrete sempre utilizzare quello aiutandovi con qualche piccolo gadget. In particolare avrete bisogno di un telecomando Bluetooth per azionare e interrompere la ripresa (telecomando Apotop I-Selfie, €14,72), un microfono (direzionale $70.00, lavalier $35.00 su Photojojo) e un cavalletto per smartphone (Photolandia €10.60).

iselfie
Telecomando Apotop I-Selfie
mighty-phone-boom-mic-dc2d.0000001407081068
Microfono direzionale per smartphone, Photojojo.com
kitsupn
Cavalletto per smartphone, Photolandia.it

In questo link trovate un esempio di perfetto video haul dal canale Youtube di Tanya Burr.

Credits: theblondesalad.com, styleandtrouble.com, 7-themes.com, higher-fashion.com

 

di Giordana Moroni