Come pulire i taglieri (e perché sciacquarli non basta)

Come in ogni regno del cibo che si rispetti, esistono miriadi di oggetti e strumenti ai quali ci affidiamo per preparare (o almeno provarci) i nostri manicaretti. Stiamo parlando del posto dove nascono sogni e progetti, si realizzano meravigliose creazioni, la nostra cucina. Siamo nell’era dell’alta tecnologia, ingegneria pura, ma prima o poi la nota dolente arriva: la pulizia. Per questa non c’è progresso che tenga, tocca farla ancora con i metodi classici, ossia il celeberrimo olio di gomito.

pinterest
Olio di gomito e fedeli alleati. Fonte Pinterest

Per quelle cuoche meno geek, legate più ai semplici strumenti della tradizione, quelle che fanno tranquillamente uso di coltelli e taglieri per iniziare l’opera, a queste dedichiamo i consigli che seguono. Ma, prima di tutto, attenzione alle dita! E proprio questi taglieri diventano delle tele su cui affettiamo, strofiniamo e schiacciamo qualsiasi cosa proveniente dal regno vegetale e animale. Lasciamo, seppur involontariamente, delle meravigliose chiazze colorate, a volte opere d’arte indiscusse che per rimuoverle… già, come le rimuoviamo? Detersivo, ovviamente.

Siamo davvero sicuri che la chimica sia sempre la soluzione migliore, e soprattutto, la più efficace?

pinterest2
Combinazione letale per i cattivi odori. Fonte Pinterest

Quando la macchia non va via

Spesso ci capita di vedere aloni che sembrano penetrare nella fibra legnosa (ma anche nella plastica) di cui sono fatti i nostri cari taglieri. Per farla venire via esistono dei metodi davvero facili da eseguire, senza spendere un centesimo e soprattutto che non ha niente di chimico. Una meraviglia! Anche perché, diciamocelo, non è molto igienico usare un tagliere macchiato, dato che per quanto possiamo essere sicuri di averlo lavato, non è pulito fino in fondo. E l’idea fa passare immediatamente l’appetito.

pinterest1
Detergenti totalmente naturali. Fonte Pinterest

DIY come pulire un tagliere naturalmente

Pulire e disinfettare. Risciacquate il tagliere per eliminare i residui di cibo e usate un canovaccio imbevuto con un po’ di aceto per rimuovere qualsiasi particella residua rimasta attaccata. Versate o spruzzate dell’acqua ossigenata su tutta la superficie del tagliere distribuendola bene con uno straccio. Lasciate agire per qualche minuto in modo da eliminare i germi, e poi risciacquate.

02-apple-cider-vinegar-hiccups
L’aceto è un ottimo disinfettante

Deodorare e rimuovere le macchie. Spargere del sale sulla superficie del tagliere e lasciare agire per alcune ore in modo da assorbire gli odori persistenti. Per rimuovere le macchie ed eliminare odori residui, strofinate il tagliere con una mistura di sale e succo di limone. L’acido del limone unita all’azione abrasiva del sale serviranno a rimuovere le macchie difficili.

Vediamo in questo video come fare.

Trattamento finale. Quest’ultimo passaggio non è obbligatorio, ma è l’ultimo tocco per mantenere perfetto il vostro tagliere per gli anni a venire. Il trattamento consiste nel versare un piccolo quantitativo di olio minerale (se volete potete usare in alternativa olio di noce) su uno strofinaccio e strofinatelo delicatamente sul tagliere. Una volta terminato, lasciate assorbire l’olio per una notte prima di usare il tagliere.

Adesso sì che il nostro tagliere è davvero pulito!

di Michela Guida