Come si chiama Babbo Natale in tutte le lingue del mondo

Come si chiama Babbo Natale nelle diverse lingue del mondo? Ogni paese ha una tradizione simile, con date che possono differire un po’ da cultura a cultura, con un ometto o un bambino o un santo che portano i doni ai bambini che durante l’anno si sono comportati bene. Ma come cambia il nome di Babbo Natale nei diversi paesi del mondo? Scopriamolo insieme, continente per continente.

Europa
Albania: Babadimri
Armenia: Gaghant Baba
Austria: Christkind (“Gesù Bambino”)
Belgio: Sinterklaas, Père Noël
Bosnia Erzegovina: Deda Mraz
Bulgaria: Djado Koleda (“Nonno Natale”)
Croazia: Djed Božicnjak o Djed Mraz (“Nonno Natale”)
Repubblica Ceca: Svatý Mikuláš (“San Nicola”)
Danimarca: Julemanden
Estonia: Jõuluvana
Isole Faroer: Jólamaður
Finlandia: Joulupukki
Francia: Père Noël (“Babbo Natale”)
Germania: Weihnachtsmann (“L’Uomo di Natale”)
Gran Bretagna: Father Christmas; Santa Claus
Grecia: San Basilio
Irlanda: Santa Claus, Santy o Daidí na Nollag
Italia: Babbo Natale

Islanda: Jólamaður
Liechtenstein: Christkind
Lituania: Kaledu Senelis
Malta: San Niklaw
Paesi Bassi e Fiandre: Sinterklaa
Norvegia: Julenissen
Polonia: Swiety Mikolaj / Mikolaj
Portogallo: Pai Natal (“Babbo Natale”)
Romania: Mos Craciun (“Babbo Natale”)
Russia: Ded Moroz (“Nonno Gelo”)
Serbia: Deda Mraz (“Nonno Gelo”)
Slovacchia: Svätý Mikuláš (“San Nicola”)
Spagna: Papá Noel; los Reyes Magos (“I Re Magi”)
Svezia: Jultomten
Svizzera: Christkind, Babbo Natale in Ticino
Turchia: Noel Baba (“Babbo Natale”)
Ungheria: Mikulás (“San Nicola”)

America Latina
Argentina: Papá Noel
Brasile: Papai Noel
Cile: Viejito Pascuero
Colombia: Niño Jesus
Messico: Santa Claus; Niño Dios (“Gesù Bambino”)
Venezuela: San Nicolás
Ecuador: Papa’ Nuel

villaggi di Babbo Natale in Italia

Nord America
Canada: Santa Claus
Stati Uniti: Santa Claus

Africa e Medio Oriente
Iran: Baba Noel
Egitto: Papa Noël
Sudafrica: Sinterklaas; Santa Claus

di Redazione