Cosa succede al nostro cervello quando guardiamo le foto su Facebook

Pensavate di esserci state solo qualche minuto e invece vi siete accorte di aver trascorso più di un’ora a guardare gli aggiornamenti di Facebook.  E magari questa cosa vi succede spesso. Tranquille, a tutto ciò c’è un motivo: gli stimoli che riceviamo da Facebook ci portano a distorcere la nostra cognizione del tempo.

Ce lo confermerebbe un gruppo di ricercatori inglesi, che di recente  hanno condotto questo esperimento: sono state analizzate le risposte di 44 persone, alle quali è  stato chiesto per quanto tempo sono stati a guardare alcune immagini che gli sono state mostrate – alcune relative a Facebook, altre a Internet in generale ed altre ancora neutre.

Teenagers using cellphones
Cosa provoca Facebook nel nostro cervello

Dall’analisi è emerso che nella maggior parte dei casi il tempo trascorso a osservare le immagini collegate al social network di Zuckerberg è stato sottostimato, sottolineando il fatto che le immagini pubblicate su Facebook modificano il modo in cui gli utenti prestano attenzione, influenzando così la percezione  del tempo. Ciò avverrebbe per meccanismi legati a fattori come l’attenzione e l’eccitazione.

Le persone presterebbero dunque più attenzione alle foto collegate a Facebook rispetto ad altri contenuti pubblicati su altri siti web, proprio come se perdessero la cognizione del tempo che passa.

 

di Marianna Feo