DIY: come preparare il sapone di Marsiglia

 

Sei amante dei DIY e ti piace creare prodotti e oggetti con le tue mani?
Allora puoi provare a seguire questa ricetta per preparare il sapone di Marsiglia! Una volta acquistati gli ingredienti, basteranno pochi passaggi per creare delle saponette profumate da utilizzare personalmente o da regalare alle amiche.

Occorrente:

– una bilancia elettronica
– un termometro per cibi
– guanti di gomma, mascherina e occhiali di protezione
– una pentola in acciaio inox (vietati alluminio e ghisa)
– una caraffa in vetro o ceramica resistente alle alte temperature
– cucchiai di acciaio inox,
– un cucchiaio di legno
– un frullatore elettrico a immersione
– vecchi stracci
– stampi per sapone

Ingredienti (per 1 saponetta):

– 1 litro di olio di oliva
– 128 gr di soda caustica (in alternativa puoi usare la soda solvay)
– 300 gr di acqua distillata o, in alternativa, il latte.

soap-673193_1280
DIY: come preparare il sapone di Marsiglia

Procedimento:

Indossa per prima cosa guanti, mascherina e occhiali di protezione.

In una tazza larga pesa con estrema precisione la soda caustica; nella caraffa di vetro o ceramica, invece, pesa l’acqua (o il latte). Metti quindi la caraffa sul fondo del lavello e versa poco a poco la soda nell’acqua, mescolando in modo che si sciolga bene. Fai attenzione perché la temperatura della soluzione caustica salirà rapidamente fino a 70/80°. Lascia raffreddare.

Metti la pentola di acciaio sulla bilancia e pesa l’olio. Mettila quindi sul fornello e fai scaldare a fuoco bassissimo, mescolando di tanto in tanto fino a che l’olio on raggiunge la temperatura di 45°.

Quando entrambe le soluzioni sono a 45° versa dolcemente la soluzione caustica nell’olio, mescolando lentamente con il cucchiaio di legno.

Non invertire gli ingredienti (versando l’olio nella soda) per non provocare una forte reazione chimica.
È quindi il turno del frullatore a immersione: frulla fino a far diventare il composto cremoso.

Versa il sapone fresco nello stampo e avvolgilo bene con stracci o coperte perché stia caldo.

Lascialo riposare coperto per 48 ore, dopo di che levalo dallo stampo e fallo maturare all’aria in un ambiente asciutto e fresco.

La saponificazione si completa nel giro di un paio di settimane, ma lascialo stagionare per almeno due mesi: più il sapone invecchia, infatti, e meno è aggressivo per la pelle.

di Eliana Avolio