I 7 motivi per cui le coppie litigano a Natale

Vorrei sapere chi ha detto che a Natale siamo tutti più buoni. In realtà non ho mai visto tante liti e bisticci come a Natale e durante le feste natalizie in generale. Non parlo solo di liti in famiglia, con quello zio che bisticcia da trenta anni a questa parte con quell’altra zia per una vecchissima questione di eredità mai risolta o del nonno che continua a ridicolizzare gli interessi del nipote, no, parlo proprio di liti di coppia. A Natale non è infrequente vedere le coppie litigare, questo sono i motivi più frequenti:

1) dove passare le feste: in realtà qui il litigio comincia ben prima del Natale. Il problema è che entrambi i partner hanno una famiglia e in entrambi i casi ci saranno parenti molesti che il partner non ha voglia di incontrare. O non ha voglia di farsi una trasferta di 500 chilometri per trascorrere due giorni insieme ai molesti parenti dell’altro. Per evitare liti dell’ultimo minuto, pianificate per tempo: avete quattro festività da suddividervi equamente. Il consiglio è Natale con i parenti di uno, Santo Stefano con i parenti dell’altro, Capodanno rigorosamente con gli amici e la Befana ponte romantico a due (visto che quest’anno è anche l’unico ponte che c’è, mannaggia al Natale e Capodanno di domenica)

Chi comincerà a litigare per primo?
Chi comincerà a litigare per primo?

2) la suddivisione dei compiti: sotto Natale ci sono tante cose a cui pensare. Prima di tutto i regali, poi se fate pranzi e cene a casa vostra dovrete pianificare tutto, dal menu, all’accoglienza degli ospiti. Ci sono albero e Presepe da preparare, la casa da decorare, le cene natalizie con amici dell’uno e dell’altro, le cene di lavoro, eventuali week-end fuori porta… Il problema è che di solito la controparte maschile della coppia si limita a pensare al suo, delegando tutto il resto dell’organizzazione alla controparte femminile. Che fra il lavoro e tutto ad un certo punto scoppia e parte il litigio. Quindi per evitare, delegate qualcosa da fare anche a lui: acquisti, decorazione di casa, shopping online… ha due mani e una testa anche lui, può tranquillamente contribuire. Altro motivo: lui non aiuta a pulire la cucina e sparecchiare dopo il pranzo. Per farvi vedere belli agli occhi degli altri, cominciate a rimproverarlo davanti a tutti, ma non funziona: se non lo fa mai, perché dovrebbe cominciare a farlo proprio a Natale? Non gli sarà neanche passato per l’anticamera del cervello. La prossima volta avvisatelo prima: quando finisce il pranzo, mi aiuti a ripulire, così evitate le solite scenate ogni anno

3) le decorazioni di casa: a proposito di decorazioni, anche qui scattano delle liti non da poco. Lei vuol un bell’albero di Natale grosso in casa, lui no perché… ma perché cavolo non vuoi quell’albero grosso in sala? Sta lì solo un mese, mica a vita, non viene messo davanti al televisione, ti dà così tanto fastidio non vedere quel metro quadro di mattonelle e di muro per un mese? Dai, un po’ di elasticità. Lo so che lo spazio in casa non è molto, soprattutto se si vuole fare albero e Presepe, ma per un mese che cosa dovrai mai farci con quello spazio? Stivarci tutto il necessario per la prossima missione su Marte? Cercate solamente di non esagerare col budget per la decorazione di casa, se no fra regali e budget magari qualche altro motivo di litigio c’è. E occultate i fili delle luci dell’albero e del Presepe in modo che non ci inciampi di continuo

4) regali: ne abbiamo parlato, ma approfondiamo in quanto anche questo è un grosso motivo di litigio. Dal budget, alle persone a cui farle, al tempo speso per andare a comprarli o farli. Rassegnatevi: un tot di regali sono obbligatori, quindi stabilite il budget e coinvolgete anche lui negli acquisti, volente o nolente

5) le tradizioni natalizie: a volte capita che il partner non creda nel Natale, per lui sia solo tutta una mossa commerciale, insomma, il classico partner fintamente virtuoso (fintamente perché poi è quello che si compra l’iPhone super nuovo non appena esce, ma quello non è commerciale, no no). Inevitabilmente partono le liti: tu senti tutta l’atmosfera natalizia, lui ti rovina tutto. Visto che di festività non ce ne sono tantissime, sarebbe pura cortesia che lui non rovinasse la felicità altrui, ma se proprio non è possibile, voi proseguite sulla vostra strada: voi festeggiate il Natale e che lui continui a non festeggiarlo. Se lui non sente la necessità di festeggiarlo, mentre voi siete a pranzo con i vostri parenti può stare tranquillamente a casa a guardarsi la televisione, tanto a lui il Natale non interessa, no?

6) cosa fare dopo i pranzi e cenoni: è un altro motivo frequente di liti. Si pranza e si finisce verso l’ora dell’aperitivo, i regali sono già stati scartati, cosa fare adesso? Le coppie più organizzate hanno già deciso da tempo cosa fare, magari si esce per una passeggiata digestiva o per andare a fare gli auguri con gli amici o si sta a casa a godersi i regali. Le coppie meno organizzate, invece, riescono a fare scintille anche qui: se lei vuole andare a salutare gli amici, lui vuole stare sdraiato sul divano; se lui vuole uscire per vedere le luci di Natale, lei vuole stare a casa a provare quella nuova piastra per capelli. E fa troppo freddo, troppo caldo, sono troppo pieno, ma rilassati un po’, ma che fretta hai, ma devi sempre fare qualcosa, ma non si può stare in pace neanche a Natale, ho un attacco fulminante di misantropia… e questo con il resto dei parenti che li guarda sconsolati. Ma decidete per tempo cosa fare, no? Così evitate inutili battibecchi

7 ) l’apparenza: è una cosa che ho notato in molte coppie, sia di amici che di parenti. Tu sai benissimo quando c’è qualche problema che non va nella coppia, ma quando si è con i parenti queste coppie fanno di tutto per sembrare felicissime. Il problema è che di solito questa finzione stressa e logora e arriva al massimo alla fine degli antipasti. Dopo la facciata si crepa e cede ed ecco che iniziano a partire le prime frecciatine, seguite da commenti al vetriolo e si termina con veri e propri litigi, il tutto mentre gli altri commensali cercano di far finta di niente. Per evitare di rovinare il Natale a tutti, sedetevi ai capi opposti del tavolo da pranzo e piuttosto ignoratevi educatamente

Foto: FlickrFlickr

di Laura Seri