I regali di Natale comprateli nelle zone terremotate

 

A Natale scambiarsi i regali è un bellissimo gesto. Quest’anno possiamo renderlo ancora più importante: come? Semplicemente comprando dalle tante aziende che sono state colpite prima dal terremoto del 24 agosto e poi dalle diverse scosse che a fine ottobre hanno devastato le bellissime regioni del centro del nostro paese. Sia che si tratti di regali da fare ad amici e parenti, sia per i famosi cesti natalizi, perché non dare una mano alle popolazioni terremotate aiutandole a ripartire proprio dai prodotti che hanno reso celebri queste terre?

A Natale solo regali solidali!
A Natale solo regali solidali!

Sono tantissimi i modi in cui possiamo aiutare le popolazioni: donando ai vari iBan dei comuni terremotati, decidendo di sostenere la Protezione Civile, inviando materiale nelle zone terremotate, ma anche acquistando i prodotti che sono stati salvati dal terremoto: così le aziende potranno presto tornare a lavorare a pieno regime. Non abbandoniamo queste zone e non abbandoniamo questa gente!

Sul sito Dissapore troviamo tutta una serie di indirizzi utili di norcinerie che propongono i famosi salumi della zona, come il prosciutto di Norcia o il ciauscolo di Visso. Sul portale dei Sibillini, invece, tutti i riferimenti per i prodotti tipici di queste terre.

E ancora, qui possiamo trovare tutti i prodotti della zona di Camerino (miele, olio, Varnelli, prosciutti, salami, vini, salse, formaggi), mentre qui una pagina per acquistare da una buonissima macelleria di Arquata e qui una pagina per partecipare alla ricostruzione di Saletta, vicino ad Amatrice, acquistando anche i cesti di Natale.

Infine vi consiglio di seguire il progetto Terremoto Centro Italia, dove troverete tutte le info aggiornate per acquisti solidali, donazioni, richieste di aiuto e molto altro ancora!

Questi sì che sono regali fatti con il cuore!
Questi sì che sono regali fatti con il cuore!

di Redazione