Idee veloci per pulire il piano cottura

Se non cucinate mai non avrete problemi in tal senso, ma se cucinate ogni santo giorno tocca pulire il piano cottura. Non si possono lasciare briciole e macchie di cibo secche, ne va anche dell’igiene e della salute della casa. Alcune macchie sono ostiche da mandare via, altrimenti appena finito di pulire il piano cottura vi rendete conto che è pulito, ma anche che ci sono degli orribili aloni. Però ci sono dei sistemi veloci e rapidi per pulire e lucidare bene il piano cottura.

piano-cottura

L'aceto è utile per lucidare il piano cottura in acciaio

La prima cosa da fare è rimuovere con un panno inumidito tutte le briciole e gli eventuali residui di cibo. Con esso potremo anche togliere le macchie più superficiali e cominciare ad ammorbidire quelle più resistenti.

Poi dipende dal tipo di piano cottura. Quello in acciaio può essere prima pulito con una spugna bagnata e un detergente neutro, sfregando il necessario e poi può essere lucidato usando dell’aceto tiepido.

Se invece avete un piano di cottura in smalto o vetro temperato dovete pulirli usando un panno morbido inumidito con acqua tiepida e con un goccio di detersivo per piatti.

Ma qual è il trucco per non avere gli aloni? E’ semplice: dopo aver pulito con i metodi descritti sopra dovete passare un panno morbido, pulito e soprattutto asciutto, anche più volte.

Foto: By GardenKingsOwn work, CC BY-SA 3.0, Link

di Laura Seri