In campeggio con i bambini: si può fare!

 

Quando dico alle mie amiche che prima o poi porterò il mio bimbo in campeggio a provare una vacanza in tenda, tutte mi guardano di traverso come se avessi pronunciato la più grande eresia di questo mondo. Insomma è come se i due termini, campeggio e bambini, si ritrovassero agli antipodi ed esprimessero due concetti assolutamente non conciliabili.

Allora vado a sfogliarmi quello che è il diario delle mie vacanze infantili e mi vedo alla mia prima volta al mare, in campeggio con i miei, nei lontani anni ’70, a soli nove mesi in una canadese con un lettino non propriamente da campeggio: un lettino a sbarre in legno che per dimensioni occupava quasi tutto lo spazio. C’è da chiedersi se i miei sono pazzi oppure semplicemente se avevano ragionato su come organizzare una vacanza in campeggio con bambini al seguito e anche poca attrezzatura tecnica.

Logicamente prenotare un hotel 5 stelle garantisce comodità, ma sono convinta che un bambino debba provare lo stacco dalla vita normale e immergersi in uno stile di vita diverso per un paio di settimane con la bellezza del dormire in tenda, ma anche di fare nuove amicizie e via dicendo.

Allora, dato che credo che una vacanza in campeggio sia alla portata di tutti, basta volerla, non mi resta che dare qualche linea guida per organizzarla con bambini al seguito.

1- Destinazione da scegliere

In campeggio con i bambini
Scegliere una destinazione idonea

Personalmente mi preme scegliere destinazioni che permettano di godere di buon mare e natura. Insomma i campeggi devono stare su tratti di spiagge bandiera blu o almeno non segnalati in negativo, non attaccatissimi alle grandi città e devono avere belle pinete che garantiscono ombra e fresco.

2- La scelta del campeggio

In campeggio con i bambini
La scelta del campeggio

Se quando eravamo giovani ci piacevano le sistemazioni spartane, con bambini al seguito la cosa non è più molto adeguata. I bambini hanno bisogno di soluzioni ricreative e ambienti vitali, anche se mio padre continua a dire “noi ci divertivamo con due biglie”. Facilitare ai ragazzi la socializzazione e il divertimento può essere un buon modo di godersi più tranquillamente le vacanze.

3- Scegliere la tenda giusta

In campeggio con i bambini
Dal canale youtube Quechua: esempio di tenda comoda per famiglia

Non c’è un solo tipo consigliabile. C’è chi adora fare più tappe, chi stanziarsi in un posto per più settimane, ogni vacanza ha la sua tenda ideale. Oggigiorno è decisamente semplice sceglierle e acquistarle a un buon prezzo. Inutile dire che è anche facile montarle: non assomigliano lontanamente alle tende “a casetta” di una volta!

Se adorate le vacanze itineranti con stop in vari campeggi, le semplici “2 seconds” possono essere più che sufficienti. avrete poco peso e ingombro nel bagagliaio, impiegherete poco per montarla e avrete così più tempo per godervi mare e natura.

Per i soggiorni più stabili si trovano tende più ampie anche con doppia cameretta. Io ne ho una con due camerette e spazio centrale comodamente occupato dal cane, quando i campeggi lo permettono. Ci vuole un po’ più di tempo per montarla, ma una volta presa la mano le tempistiche si riducono. Il prezzo, anche in questo caso, è decisamente abbordabile.

4- L’opzione Bungalow

In campeggio con i bambini
Opzione bungalow: se la tenda vi spaventa!

Se vi attira l’atmosfera del campeggio, ma la tenda vi spaventa, avete sempre l’opzione bungalow. Affittare una casetta in campeggio vi farà guardare con occhio diverso la possibilità di organizzare una vacanza in campeggio con bambini al seguito.

5- Attrezzatura

In campeggio con i bambini
Una buona attrezzatura è fondamentale in campeggio

Non portate con voi l’impensato, vi renderete conto che serve meno di quello che sembra. Se siete con bambini piccoli ricordate i loro giochi. Se siete in tenda cercate materassini comodi per farli dormire, per i più piccoli esistono ormai comodi letti da campeggio poco ingombranti sia in macchina che in tenda.

Se avete materassini molto alti, le tempistiche per gonfiare sono ampie quindi portatevi una pompa elettrica o perderete una giornata a soffiare in valvoline togli-fiato. Se invece andate in campeggio per un paio di notti sono in vendita materassini velocissimi da gonfiare anche a bocca alti pochi cm, ma comunque comodi.

Non dimenticate ombrelloni o parasole (i secondi sono decisamente più comodi con i neonati).

Altro elemento molto comodo il frigorifero da campeggio, decisamente utile da usare come anche delle borse frigo da portare in spiaggia.

Per la cucina c’è chi è dotato da cucine da campeggio e chi si attrezza con fornelletti o piastre elettriche. Anche se decidete di mangiare sempre in ristorante, è sicuramente comodo avere con voi una piastra elettrica o un fornelletto a gas per le pappe dei più piccoli e qualche tegame grande e piccolo (non serve l’intera batteria di pentole, solo qualche pezzo indispensabile).

Ricordate un tavolino da campeggio con sedie: non siamo più giovincelli può essere scomodo apparecchiarsi a terra per più di una volta durante la vacanza. Ne troverete di poco ingombranti e di ogni prezzo.

Non dimenticate di portare con voi una prolunga per allacciarvi alla corrente elettrica (può salvarvi con i cellulari, ma non solo) e poi una torcia o lampada da campeggio ricaricabile (quelle da usare sia a corrente che a batteria sono molto più comode).

A tutto ciò aggiungete un beauty in cui non devono mancare creme solari ad alta protezione, spray anti-zanzare e comodi copri-water di carta.

E ora buon campeggio con i vostri piccoli

Detto ciò è ora di partire e per una volta lasciate che i piccoli corrano, si sporchino e abbiano pochi orari, non portate televisori e se potete evitate i video-giochi. L’esperienza sarà migliore di quella che all’inizio immagineranno di poter fare!

 

di Agnese.C