In Italia gli animali domestici sono sempre più coccolati

 

Gli italiani amano spendere per i propri animali domestici: è quello che emerge dal Rapporto Assalco-Zoomark 2015 sull’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, che ci racconta come se la passano i 60 milioni di animali domestici (tra cani, gatti, uccelli, pesci, roditori e altri piccoli animali da compagnia) che hanno la fortuna di avere una casa e un essere umano che si prende cura di loro.

Dati del Rapporto Assalco-Zoomark 2015 sull’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia
Dati del Rapporto Assalco-Zoomark 2015 sull’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia

Il rapporto ci svela che in Italia il settore pet è in continua crescita, soprattutto se si considera ils ettore premium, quello di lusso. Per la loro salute, per il loro benessere e spesso anche per accessori che forse sono inutili per gli animali si spende sempre di più, nonostante la crisi economica che stiamo attraversando.

Gianmarco Ferrari, il presidente dell’Associazione, spiega:

Gli animali da compagnia sono a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie e il benessere che scaturisce da questa relazione è un fatto confermato da studi scientifici e clinici. Per questo la cura per la loro alimentazione, la loro igiene e il loro benessere fa parte della quotidianità ed è sempre più importante, come conferma la crescita a valore del nostro comparto del +2,4% nel 2014“.

Si parla di un giro d’affari di 1.830 milioni di euro, per un totale di 544mila tonnellate commercializzate di prodotti per l’alimentazione per soli cani e gatti. Proprio questi ultimi hanno la fortuna di avere padroni più attenti alle loro esigenze alimentari, superando di poco gli amici cani.

Ma le spese non riguardano solo il cibo, indispensabile, ma anche gli accessori, con un fatturato di 66 milioni di euro: il segmento igiene è al primo posto, ovviamente.

Fonte foto: Ansa

di Redazione