Lammily Doll: la Barbie con il ciclo

 

Da piccole guardando le vostre Barbie, così perfette e sempre in tiro, avete mai desiderato essere come loro? Bionde, magre e con uno smagliante sorriso anche quando nelle storie che inventavate Ken le aveva lasciate? Perché il sogno – non tanto segreto – nel cassetto  di ogni bambina è quello di avere l’aspetto della bambola perfetta per antonomasia: curve al posto giusto, capelli in piega e pelle di porcellana.

Barbie-Wallpapers-Cartoons-Disney-e1405610118291
Barbie tradizionale

Ma avreste mai immaginato che il giocattolo che avete amato di più e a cui avreste voluto assomigliare un giorno si sarebbe trasformato per avvicinarsi sempre più a voi? Avreste mai pensato che la Barbie potesse diventare umana?

Tutto questo sta diventando realtà: in Australia, Sonia Singh, perso il suo lavoro da ricercatrice, ha iniziato a restaurare le Bratz e le Barbie per mostrarle con un look più “naturale” e “normale”: sul suo canale YouTube carica dei video tutorial su come restaurare le bambole e cambiar loro i connotati, preferendo al trucco marcato uno stile acqua e sapone. Nasce così “Tree Change Dolls”.

tree change dolls
Una Bratz prima e dopo il cambiamento

Per non parlare della Lammily, che viene considerata l’anti-Barbie per eccellenza e nasce per diffondere un’immagine più realistica del corpo femminile, tanto poco perfetto quanto bello nella sua irregolarità. Sulla scia della dilagante preoccupazione di mamme e nutrizionisti per gli effetti negativi del modello di bellezza finto e artefatto propinato dalla Barbie, l’artista Nickolay Lamm ha creato una bambola con le fattezze di una ragazza normale, con tanto di difetti come smagliature, acne e fianchi larghi. Il tutto per evitare che le piccole bambine innamorate di una bambola possano trasformarsi in donne insicure.

lammily
Una Lammily Doll

Al set di accessori della Lammily (adesivi di tatuaggi, brufoli…) si aggiunge ora anche il “Period Party”: a soli 10 dollari si possono acquistare 18 assorbenti colorati riutilizzabili (in totale accordo con le ultime tendenze!), un paio di mutandine, un calendario e una brochure esplicativa per avere le idee più chiare sul traguardo che ogni bambina deve attraversare per diventare donna.

L’obiettivo è quello di avviare un processo di informazione e sensibilizzazione anche attraverso il gioco e andare oltre quei tabù che ancora oggi gravitano intorno al ciclo mestruale. Anche il mercato dei giocattoli ci dice allora che la bellezza va oltre le imperfezioni e la risposta dei genitori è stata positiva, dimostrando che l’idea di Lamm è un buon supporto per affrontare le difficoltà del periodo pre adolescenziale e adolescenziale in modo leggero, ma efficace.

1-Lammily-Cover
Lammily Vs Barbie e Bratz

E se voi da bambine aveste potuto scegliere, avreste acquistato la Barbie o la Lammily?

di Melania Rusciano