Le 5 tipologie di mamme di oggi

 

Son tutte belle le mamme del mondo… Ma non sono tutte uguali. Prima di rimanere in dolce attesa, tutte noi sogniamo che mamma saremo per i nostri figli e spesso giuriamo che saremo diverse dai nostri genitori. Quando poi ci ritroviamo a prenderci cura di un frugoletto, ecco che le cose cambiano: molti dei no categorici che ci eravamo imposti prima, diventano dei sì e spesso ci accorgiamo di essere molto simili a nostra madre (e finalmente riusciamo a capire alcune sue scelte). Ma quali sono le diverse tipologie di mamma che possiamo essere oggi? Secondo gli esperti ci sono 5 tipi…

Tu che mamma sei?
Tu che mamma sei?

A svelarlo è la sociologa e psicologa Maria Letizia Verri, che ha condotto un’indagine su un campione di 800 mamme di tutta Italia, che poi è diventata il libro “Mamma, Femminile plurale, Alpha, social, green… declinazioni e inclinazioni delle mamme di oggi“, edito da Franco Angeli. Lei ha scoperto almeno 5 tipi di mamme di oggi:

Mamme controller, una su cinque: sono le mamme sempre presenti, iper vigilanti, che difficilmente affidano il proprio bambino a qualcuno. Soffrono di ansia da prestazione e vivono la maternità con apprensione.

Mamme in team, 24%: non sono mai sicure, cercano sempre conferme da altre mamme, sono così insicure da delegare la gestione del bambino ad altri, come i nonni, il papà, una baby sitter.

Mamme you & me, 16%: è la versione moderna della mamma chioccia, che vede sempre piccolo il proprio bambino e che quando parla di lui parla al plurale, come se ogni cosa che riguarda il piccolo riguardi anche lei. Ha paura di perdere il suo ruolo di mamma quando i figli saranno grandi. E’ completamente dedicata alla famiglia.

Mamme scout, 15%: vive in maniera positiva la maternità, cercando di conciliare lavoro, famiglia e anche interessi personali. Investe molto tempo nella maternità, è appassionata e ha in mente un preciso percorso di educazione che porta avanti senza essere troppo rigida e severa.

Mamme relaxed, 25%: mamma pratica, che non si pone tanti problemi e che sa bene quai sono le proprie esigenze e le proprie necessità. E non rinuncia a se stessa. E’ il bambino che deve avvicinarsi ai suoi tempi e non il contrario.

E voi quale mamma siete? Che poi, alla fine, un punto di incontro lo si trova sempre… La via di mezzo è sempre la scelta migliore, no?

di Redazione