Le cattive abitudini in auto nelle quali non ricadere mai più

Oggi le regole del Codice della Strada prevedono tutta una serie di norme volte alla sicurezza di chi occupa l’abitacolo delle automobili: una volta non c’erano tutte queste norme di sicurezza. Alzi la mano chi, tra quelli che oggi hanno superato i 30 anni, ha mai viaggiato da bambino in un seggiolino, ben allacciato al sedile. E alzi la mano chi usava le cinture di sicurezza: io mi ricordo che nella macchina di papà c’erano, ma a nessuno veniva in mente di allacciarle. Per fortuna queste cattive abitudini le abbiamo perse… Perché è così, vero?

Facile.it, il principale sito italiano di comparazione del settore assicurativo, ci fa fare un viaggio indietro nel tempo per scoprire quali erano i comportamenti sbagliati in automobile negli anni Settanta e Ottanta. O meglio: all’epoca non erano sbagliati, ma cone le normative di oggi sai quante multe avremmo preso? Il sondaggio è stato condotto a ottobre 2017: curiosi di conoscere i risultati?

Il 70% dichiara che tra gli anni 70 e 80 non indossava le cinture di sicurezza. E non lo saveva nessuno in auto, anche perché gli attacchi sono stati resi obbligatori n el 1976, ma solo nel 1988 sono entrate in uso. Oggi solo il 7 per cento non le mette: ma lo sapete che è pericoloso? E si devono allacciare anche dietro, mentre l’86% degli intervistati non si fa.

Negli anni Ottanta i bambini viaggiavano seduti in braccio a chi sedeva sul lato opposto del guidatore o addirittura in braccio a chi guidava: lo faceva il 26% dei bambini all’epoca, perché i seggiolini non c’erano. Eppure rimpiangiamo i viaggi sdraiati sul sedile dietro a dormire: c’era anche chi riposava sulla cappelliera o chi viaggiava nel bagagliaio.

E in moto non andavamo meglio: un intervistato su 5 diceva che da bambino andava in moto con i genitori prima di aver compiuto i 5 anni, il 26% non indossava il casco e a volte viaggiava anche schiacciato tra mamma e papà. Oggi andiamo meglio, perché l’unica scorrettezza è portare i bambini con meno di 5 anni: non si fa!

Se oggi le regole ci sono non dimentichiamoci che è per il nostro bene e per quello di chi viaggia con noi!

di Redazione