Le copertine per il ricettario fai da te

Facendo un resoconto dei miei danni in cucina, ultimamente ho: bruciato le rape, seccato una fettina di carne (nel tentativo di cuocerla per bene… tentativo riuscito alla perfezione), bruciato le lenticchie, scelto il riso sbagliato per un risotto la cui cottura è cominciata la mattina e è terminata a metà pomeriggio. Ancora, cucinato in una settimana almeno per 3-4 volte la stessa pietanza.

Che non sia votata alla cucina è chiarissimo. Mia figlia era arrivata persino a preferire la mensa dell’asilo alle mie portate – pensate un po’ – eD è risaputo che le mense, o meglio le ditte appaltatrici, non siano proprio ristoranti d’alto livello! Ok, ormai il web salva tutti, ci trovi qualsiasi risposta: cucina, salute, lavoro, arti, passatempi, creatività, costruzioni, ecc. non sono più un mistero (forse l’unico mistero salvo è la ricetta della Coca Cola); ma per una pigra/negata cronica come me che soluzione ci sarà?

Ho pensato che un ricettario in bella mostra può diventare la mia ancora di salvezza. Un ricettario essenziale, sul quale appuntare i passaggi chiave che non ti permettono di sbagliare, le ricette semplici, quelle che ti son venute bene al primo colpo, le “mangiabili”, per intenderci. Quelle che, per prepararle, non necessiti di ingredienti introvabili. Quelle fatte apposta per me.

Ricettario n.1

Clicca qui per scaricarlo.

ricettario2
Ricettario

Ricettario n.2

Clicca qui per scaricarlo.

ricettario3
Ricettario

Ricettario n.3

Clicca qui per scaricarlo.

ricettario4
Ricettario

Pagine interne: scaricale qui!

foglio interno
Foglio intern

Occorrente

  • stampante a colori
  • cartoncino bianco per stampante
  • forbici
  • foratrice/spillatrice/colla/pinze ferma carte

Procedimento

Scaricate il file che preferite; ogni file Pdf è provvisto di copertina e di retro copertina. I fogli interni sono uguali per tutti i ricettari: sono due fogli, uno con intestazione (titolo ricetta, ingredienti e procedimento), l’altro solo con le righe, per avere più spazio a disposizione per note o altro.

Su ogni foglio c’è una zona laterale tratteggiata: indica lo spazio per la rilegatura. Per tenere insieme i fogli del nostro ricettario ci sono vari modi: potete scegliere di spillarli, o di incollarli tra loro – spalmando la colla nell’apposito spazio relativo alla rilegatura – ma in questo modo non avrete modo di aggiungere altre pagine, una volta riempito tutto il libretto. Ancora, potete usare le pinze fermacarte, quelle nere in acciaio. Se disponete di una foratrice a due buchi, basterà procurarvi poi il meccanismo di un quaderno piccolo a anelli.

Nel caso in cui vogliate realizzare un quaderno “coi fiocchi”, recatevi in copisteria e chiedete a un addetto di rilegarlo con spirale di plastica o di ferro.

Che dirvi, buon divertimento! Se avete qualche ricetta interessante, ma soprattutto facile e veloce, sarò felce di appuntarmela sul mio personalissimo ricettario.

 

di Gabriella Carofiglio