McDonald’s è in crisi?

 

McDonald’s sta per chiudere? E’ la domanda che si fanno tutti in queste ore, dopo l’annuncio che il colosso degli hamburger a stelle e strisce chiuderà ben 700 fast food in giro per il mondo entro l’anno. L’annuncio è stato fatto dalla stessa multinazionale, che non dà però spiegazioni: ma in queste ore si parla di una crisi molto profonda per il gruppo fondato nel 1955 da Ray Kroc. Ma dite che sia davvero la fine dell’era McDonald’s?

mcdonalds1
McDonald’s annuncia la chiusura di 700 fast food nel mondo

In America e nel resto del mondo non si parla d’altro che della possibile fine di McDonald’s e numerosi sono gli indizi: si chiudono più locali di quanti non se ne aprono e le perdite del gruppo sono costanti, intorno al 2.6 per cento in più rispetto al 2014. Inoltre, a essere in crisi anche i dipendenti: un sondaggio di Mark Kalinowski tra i gestori dei fast food del gruppo indica che in una scala da 1 a 5 l’indice di gradimento è di 1,69. Il risultato peggiore in 12 anni di ricerca.

I dipendenti e i gestori dei locali non amano le politiche di rinnovamento e di ripresa dell’azienda, perché queste non migliorano le cose, anzi, peggiorano il lavoro e lo rendono più complicato, come la scelta di servire la colazione 24 ore al giorno o di personalizzare il proprio panino, come sottolineato da uno dei gestori che ha partecipato al sondaggio

mcdonalds2
I dipendenti non sono soddisfatti di come McDonald’s gestisce i fast food

L’introduzione della colazione 24 ore al giorno crea solo problemi in cucina perché lo staff è sotto stress“.

Mentre un altro non usa mezzi termini:

Questa è la via della disfatta“.

Davvero stiamo per dire addio a McDonald’s?

di Redazione