Mia moglie non lavora

“Ah, sei una casalinga… quindi stai tutto il giorno a casa… e cosa fai?” vi sembra conosciuto? Ve l’hanno chiesto anche a voi? Molti sono convinti che stare a casa significa non fare nulla… tanto che avrà mai da fare una donna che non va al lavoro? Esce con le amiche, si diverte, va dal parrucchiere…

Anche la tatuatrice Ryshell Castleberry era stanca di sentire sempre la stessa domanda “Cosa fai tutto il giorno a casa?” e ha deciso di scrivere i suoi pensieri e postarli sul suo profilo social. Il suo è stato un vero manifesto per tutte quelle mamme che stanno a casa e che vengono accusate di non fare mai nulla.

È stato un successo… il suo post ha ricevuto più di 640000 “Mi Piace” ed è stato condiviso circa 300.000 volte in poche ore. Può sembrare tanto ma non è comunque abbastanza, perché le sue parole dovrebbero essere scritte sui muri, sulle finestre e nel cielo… perché sono pura verità…

Solo così impareremo ad apprezzare i sacrifici che le nostre mamme fanno per noi. È vero che ci sono state anche alcune critiche. Tra queste, le mamme lavoratrici che hanno detto che loro fanno tutto questo e in più lavorano. Ma Castleberry ha ribadito che chiunque, incluse le mamme e i papà che lavorano, possono leggere il post e rimpiazzare alcune parti con le parole che rispecchiano la loro situazione.

Ecco il suo post:

 

Mia moglie non lavora!!!

Conversazione tra un marito (M) e uno psicologo (P)

P: Che lavoro fa, Sig. Rogers?

M: Sono contabile in una banca.

P: E sua moglie?

M: Lei non lavora. Fa la casalinga.

P: Chi prepara la colazione?

M: Mia moglie, perché lei non lavora.

P: A che ora si sveglia sua moglie?

M: Si sveglia molto presto perché deve organizzare la giornata. Deve preparare la colazione per i bambini, assicurarsi che sono ben vestiti e in ordine, che hanno da mangiare, che si sono lavati i denti e portato tutto quello che serve per la scuola. Si sveglia durante la notte per cambiare il pannolino al nostro figlio più piccolo. Lo allatta e gli prepara le pappette.

P: Chi porta i figli a scuola?

M: Mia moglie li porta, perché lei non lavora.

P: E dopo che porta i figli a scuola cosa fa sua moglie?

M: di solito ci mette un po’ a capire cosa può fare una volta uscita di casa, per non dover smontare e rimontare il seggiolone troppe volte. A volte va a pagare le bollette o si ferma al supermercato per fare la spesa. Cerca di non dimenticare nulla altrimenti deve rifare tutto il tragitto casa-supermercato con il più piccolo a seguito. Una volta tornata a casa, prepara il pranzo, allatta di nuovo e cambia il pannolino a nostro figlio più piccolo. Poi lo mette a dormire, sistema un po’ in cucina, fa il bucato e pulisce la casa. Sa… sono cose che deve fare lei perché non lavora.

P: E lei, Sig. Rogers, cosa fa quando ritorna la sera dal lavoro?

M: Mi riposo. Sa… sono stanco dopo una giornata in ufficio.

P: E la sera? Cosa fa sua moglie la sera?

M: Fa la cena, fa mangiare i nostri figli, sparecchia e mette a posto la casa. Porta il cane fuori, aiuta i bambini con i compiti, li prepara per andare al letto, cambia il pannolino al più piccolo, lo allatta, controlla che abbiano i denti lavati. Poi racconta loro una storia. Di notte si sveglia lei per cambiare e allattare il piccolo perché lei non lavora.

Questo è quello che tantissime donne fanno ogni giorno, tutti i giorni. Comincia la mattina, continua durante tutto il giorno e, a volte, anche di notte. Si chiama “non lavoro”.

Per essere una casalinga non serve un diploma anche se è un lavoro fondamentale per tutta la famiglia.

Apprezzate tutte le donne della vostra vita: la moglie, la nonna, la zia, la sorella, la figlia… perché il loro sacrificio è incommensurabile.

E se qualcuno vi domanda se siete donne lavoratrici o SOLO “casalinghe” dovete rispondere così:

Sono una mamma, una donna, una figlia… Sono la sveglia che suona la mattina. Sono una cuoca, una cameriera, un’insegnante, una barista, una babysitter, un’infermiera e un manovale. Sono un’addetta alla sicurezza, una consigliera, una consolatrice, un autista e una psicologa. Non ho vacanze, non ho diritto ai giorni di malattia, non ho giorni liberi, non ho permessi. Lavoro giorno e notte, non percepisco uno stipendio ma, nonostante questo, continuano a domandarmi “ma tu cosa fai tutto il giorno?”

Vi invitiamo a guardare questo video

Dedicata a tutte le donne che dedicano le loro vite alle loro famiglie. La donna è come il sale. Nessuno ci fa caso se c’è ma quando manca si sente.

Condividi questo messaggio con tutte le meravigliose donne che conosci.

***Foto credits: Ricky Mujica***

di Redazione 1