Novembre a New York per festeggiare il Ringraziamento

 

Ogni anno, il quarto giovedì di novembre, i TG italiani ci fanno conoscere quella che è una delle feste più amate degli Stati Uniti: il Giorno del Ringraziamento, o forse dovremmo chiamarla con il suo nome originale, Thanksgiving Day.
Quella che viene fuori dai servizi giornalistici e dalle scene dei film è in genere un’immagine molto folcloristica del Ringraziamento, fatta di tacchini ripieni e famiglie radunate, ma cosa rappresenta veramente?

Sai cos’è il giorno del Ringraziamento?

Novembre a New York per il Ringraziamento
Il tacchino in ogni dove… simbolo del Ringraziamento

I primi festeggiamenti del Thanksgiving Day possono essere fatti risalire al 1621. In questo periodo molti immigrati cristiani si stabilirono sulle terre americane imbattendosi in non pochi problemi nella coltivazione delle terre molto distanti, come caratteristiche, a quelle cui erano abituati.

Dopo aver affrontato un inverno scarso di provviste che causò la morte di molti, i nativi americani intervennero in loro soccorso insegnando tecniche di coltivazione e allevamento (anche del famoso tacchino che diventò simbolo di questa festa).

Il Ringraziamento diventò così il giorno in cui ringraziare Dio dell’abbondante raccolto, ma anche un simbolo dell’importanza dell’unione tra i popoli (cosa che permise ai pellegrini di sopravvivere).

Nel 1798, dopo anni di diffusione, George Washington decretò definitivamente la festa Nazionale del Ringraziamento.

Il Ringraziamento oggi a New York

Oggi la valenza storica di questa festività si è fortemente ridimensionata, rimane comunque un giorno di festa molto sentito per la riunione delle famiglie e anche per alcuni eventi in particolare che la rendono monto conosciuta nel mondo.

Pochi giorni prima del Ringraziamento alla Casa Bianca si svolge anche la cerimonia tradizionale della “Grazia presidenziale a due tacchini“: National Thanksgiving Presentation. Due tacchini fortunati vengono dispensati dal sacrificio al “ripieno” e per loro verrà anche scelto un nome dagli americani che si connetteranno direttamente al sito della Casa Bianca.

Per il Thanksgiving Day tutte le città organizzano una parata, ma è inutile dire che quella di NY ha sempre avuto un’attrattiva particolare per il numero di turisti che già in sé la città richiama.

Cosa fare per il Ringraziamento a New York

1- La parata del Ringraziamento a New York

Novembre a New York per il Ringraziamento
La parata del Ringraziamento a New York

Per i pigri sappiate che la parata viene trasmessa anche in diretta tv sulla NBC. Per chi invece ha intenzione di viverla in prima persona è richiesta un’alzataccia e una bella camminata.

La parata attrae ogni anno almeno 3 milioni di visitatori e per quel giorno i mezzi pubblici rispettano orari festivi: quindi aspettatevi folla, lunghe camminate e appostamenti in attesa.
Lo spettacolo prevede Bande Musicali, le immancabili Cheerleader, carri e i più attesi palloni giganti a forma di personaggi dei cartoon, il tutto su 4 chilometri di percorso tra le strade di Manhattan.

La parata inizia alle 9 del giorno del Ringraziamento in West Side Central Park, di fronte ai Grandi Magazzini Macy’s.
In genere è meglio evitare il percorso tra la 34th e la 38th perché è dove si svolge la diretta televisiva e dove quindi si trovano più limitazioni.
Se non ti assicuri un posto in prima fila, cosa molto difficile dato che tutti si affollano già alle sei del mattino per prendere posto, sappi che i palloni sono molto grandi e potrai vederli bene anche dalle retrovie.

Guardare i palloni che prendono vita

Sembra una stupidaggine, ma se sei a New York già dal giorno prima il Ringraziamento, sappi che è possibile vedere i grandi palloni che vengono gonfiati.
Il rituale di preparazione avviene in Upper West Side nei dintorni del Museo Americano di Storia Naturale.
Anche qui si forma sempre un po’ di folla e l’area viene transennata quindi bisogna prepararsi a qualche coda.

Mangiare a New York per il Ringraziamento

Novembre a New York per il Ringraziamento
I piatti tipici della festa

Per gli americani il Ringraziamento è soprattutto il grande pasto con i parenti a base di ricette tipiche, a partire dal mitico tacchino ripieno.

Se non avete qualche amico a New York che possa invitarvi, provvedete ad assicurarvi in anticipo un posto in qualche ristorante.

Tra i ristoranti consigliati trovate sicuramente:

– Rosemary Enoteca  nel West Village
– Toqueville Restaurant nella zona di Union Square
– Lure Fishbar a Soho
– Bowery Meat Company
– Pier A a Marbor House con vista sulla Statua della Libertà
– Mà Peche nel Chambers Hotel di Midtown Manhattan

Tutti i ristoranti offrono menù che includono tra le 3 e le 5 portate con piatti tutt’altro che leggeri come il tacchino, salse, specie salsa di mirtilli, patate dolci, biscotti e torte di diverso tipo.

Le porzioni sono in genere piuttosto abbondanti: insomma il giorno del ringraziamento non è un giorno adatto a diete.

Inizio dello shopping natalizio: il Black Friday

Segniamo nella nostra agenda un’ultima cosa della festa del Ringraziamento a New York e negli Usa: il Thanksgiving Day rappresenta anche l’inizio delle festività quindi anche dello shopping natalizio….

Sì shopping addicted: cosa c’è di meglio di sano shopping di Natale a New York?

Ok allora appuntatevi: il giorno dopo la parata, il venerdì successivo al Ringraziamento, si festeggia il Black Friday.
In questo giorno le grandi catene di negozi offrono merci a prezzi stracciati ed è ormai nota la corsa all’apertura dei cancelli per accalappiarsi il prodotto più ricercato… soprattutto la corsa delle future spose per arraffare l’abito dei sogni in offerta.

di Agnese.C