Presto leggeremo i libri senza aprirli

 

Nonostante l’avvento e la diffusione degli ebook, il fascino dei libri cartacei, da sfogliare pagina dopo pagina, potendo godere anche del profumo della carta appena stampata, è rimasto intatto. Presto, però, potrebbe cambiare il modo in cui leggiamo i libri: lo sapete che sarà possibile leggere i libri senza più doverli aprire? Non è una magia, ma è una nuova invenzione che ci arriva dagli USA, grazie ai ricercatori del Mit (Massachussets institute of technology) di Boston coordinati da Barmak Heshmat.

E pensare che a noi piace sfogliare i libri...
E pensare che a noi piace sfogliare i libri…

Il prototipo ideato per leggere i libri senza aprirli, descritto sulla rivista Nature Communications, ci permetterà di accedere al contenuto di un libro senza aprirlo: l’apparecchio riesce a identificare le lettere stampate all’inizio di nove pagine, grazie a due algoritmi diversi, uno sviluppato dai ricercatori di Boston, che acquisisce le immagini dai singoli fogli, e uno sviluppato dal Georgia Tech, che interpreta le immagini distorte o incomplete, come le singole lettere.

Il sistema utilizza radiazioni terahertz, onde che penetrano attraverso le superfici come i raggi X e le onde sonore: possono distinguere tra inchiostro e carta bianca, con una risoluzione ottima.

Al momento l’algoritmo riesce a dedurre fino a 20 pagine, ma oltre le 9 l’energia è bassa e ci sono troppe interferenze. I ricercatori, però, stanno cercando di perfezionare il sistema.

di Redazione