Shoumii, il primo social network per i lavoratori dello spettacolo

 

Shoumii è il primo social network professionale pensato per gli artisti. Nato circa 3 mesi fa, già conta oltre 2000 iscritti da tutta Italia tra attori, registi, produttori, modelli, fotografi, truccatori, ballerini e tante altre figure appartenenti al mondo dello spettacolo. Sul modello di Linkedin, Shoumii si pone l’obiettivo di mettere in comunicazione chi cerca lavoro in ambito artistico con chi ne offre e viceversa. È un terreno fertile di scambio di informazioni che comunica attraverso casting, showreel, book fotografici.

Shoumii 1
Shoumii è il primo social network pensato per gli artisti

Ogni utente di Shoumii può iscriversi in maniera del tutto gratuita condividendo le proprie esperienze senza intermediari o persone che approfittano del loro talento. Produttori, registi e professionisti dello spettacolo hanno la possibilità di pubblicare i propri casting e cercare le figure più adatte per ricoprire i ruoli richiesti. Dall’altro lato attori, modelli e artisti di ogni genere possono candidarsi alle selezioni e mettere in mostra le proprie abilità caricando foto, video, showreel e altri materiali nella propria pagina profilo.

Shoumii 3
Shoumii si basa sul modello di Linkedin.

Il sito è online in versione beta dall’8 maggio scorso: alle spalle di Shoumii vi è l’organizzazione ereditata da AttoriCasting.it, il magazine dei casting online più seguito in Italia, fondato nell’estate del 2012 da Luca Marciano e Alessandro Pucci, attualmente soci fondatori e business developer del progetto Shoumii. Grazie a questo successo (il sito conta circa 200.000 visualizzazioni mensili, 16.000 iscritti, 22.000 fan su Facebook) le menti del social network si sono rese conto che mancava un luogo in cui gli artisti potessero incontrarsi per lavorare insieme.

Shoumii 2
Shoumii è online nella versione beta

Nel mondo della rivoluzione social, Shoumii si pone sul mercato come un’agenzia dello spettacolo 2.0 completamente libera, accessibile e gratuita con un’unica missione ben definita: mettere in contatto milioni di aspiranti artisti, perché per realizzare un lavoro cinematografico o teatrale non servono per forza grandi budget o produzioni holliwoodiane. Può bastare unire le giuste competenze.

di Redazione