Vicino a Milano c’è un luogo da sogno che ricorda le Maldive

Questa estate dovete rimanere a Milano per lavorare e non potete assolutamente muovervi perché non avete il budget sufficiente, non avete le ferie o semplicemente non avete voglia? Lo sapete, vero, che potete comunque godervi delle vacanze come se foste su una vera e propria isola caraibica o oceanica? A un’ora di automobile da Milano (se non trovate traffico in autostrada e tangenziale) ci sono le Maldive. Non ci credete? Guardate le foto e vi ricrederete!

Le Maldive sono state scoperte in Italia, da Marco Capedri (nickname Capedit), un ragazzo brianzolo che un giorno è andato in gita nella Valle Verzasca, trovando un angolo di Svizzera che per la natura che propone è stato ribattezzato proprio come le Maldive di Milano.

Il video pubblicato sui social ha ottenuto in pochissimo tempo due milioni e mezzo di visualizzazioni e da quel momento la location, che si caratterizza per le sue acque cristalline, è diventata meta di pellegrinaggio di chi, soprattutto nei fine settimana estivi, cerca di staccare dalla grande città, ritrovandosi in un vero e proprio angolo di paradiso.

I residenti, però, non hanno apprezzato questa invasione: sembra Rimini a Ferragosto da quanta gente è arrivata in quei luoghi, dove negli ultimi weekend non si può più girare. E i problemi sono diversi, come sollevato da alcuni residenti:

Questi turisti del mordi e fuggi, non hanno rispetto per nulla, dormono in auto, girano seminudi lungo le strade e trasformano la valle in un gabinetto a cielo aperto”.

Roberto Bacciarini, il sindaco di uno dei comuni interessati, Lavertezzo, aggiunge: “Quando c’è turismo di massa è chiaro che ci sono molto rifiuti, però devo dire che sono stati depositati nelle aree deputate“. Ci vorrebbe un po’ più di rispetto, insomma!

di Redazione