Weekend low cost in Europa: Cracovia

 

Siamo a Cracovia, nella Polonia meridionale, in una città in cui ferve la multiculturalità e la vitalità degli studenti che la popolano. Il centro storico rappresenta un vero e proprio gioiello di storia, arte e tradizione, con la piazza più grande d’Europa. Prima di diventare Papa, Karol Wojtyla ha ricoperto il ruolo di vescovo della città, essendo strettamente legato all’anima della sua Polonia.
Cracovia è senza dubbio una destinazione low cost, ideale per chi vuole viaggiare per un weekend senza spendere un capitale. La formula migliore per raggiungere la città è senza dubbio l’aereo, da Ryanair ad Easyjet, ci sono numerose compagnie che percorrono le tratte da Napoli, Roma o Milano. L’aeroporto si trova a Balice, ad appena 11 km a ovest del centro. Per raggiungere il centro della città potrete optare per il treno, che in 20 minuti raggiunge la Stazione Centrale al costo di 11 zloty, contro i 4 zloty del prezzo dell’autobus, meno veloce, ma molto più conveniente. Arrivati in città, avrete tantissimi luoghi da non perdere. Eccone alcuni.

weekend_cracovia_2
Cracovia

1. Il Castello di Cracovia e la Città Vecchia

Un luogo mitico e con una leggenda misteriosa alle spalle: il Castello di Cracovia è una delle più grandi attrazioni della città. Si racconta che il Castello fosse popolato da un drago, Smok Wawelski, e che il re, per liberare il palazzo, promise a chi lo avesse ucciso metà del regno e la figlia in sposa. Vinse la sfida un calzolaio che fece bere al drago tutto il fiume Vistola fino a esplodere. Potrete visitarlo tutti i giorni, tranne il lunedì, e farvi una foto vicino al drago imponente che vi aspetterà all’entrata. Da non perdere la Cappella Reale, il Tesoro reale e la bellissima armeria con armi dal Medioevo a oggi.

2.  Piazza del Mercato Centrale (Rynek Glowny)

weekend_cracovia_3
Piazza del Mercato Centrale

La più grande piazza medievale d’Europa: artisti di strada, caffè, ristoranti, negozi, la chiesa di Santa Maria, il mercato dei tessuti, la piazza è un agglomerato di culture e di esperienza. Da qui può assolutamente partire il viaggio alla scoperta di Cracovia, che al pari di Varsavia può essere considerata una delle città più interessanti da visitare in Polonia.

3.  Tour del quartiere ebraico con taxi elettrici

Kazimierz: questo è il nome del quartiere ebraico di Cracovia. Dagli eleganti palazzi della Città Vecchia al centro della cultura ebraica dell’intera Polonia: antiche sinagoghe, ristoranti kasher, edifici storici, vi attenderanno con ansia. Sulla via più grande, ulica Szeroka, troverete taxi elettrici per poter fare un tour.

4. Fuori dalla città: il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau

Il più grande campo di concentramento del Terzo Reich non merita molte spiegazioni, ma sicuramente una visita. A circa 70 km dal centro di Cracovia, sorge uno dei luoghi più terrificanti della storia mondiale. Vengono organizzati tour diversi con una guida esperta, per continuare a non dimenticare.

5. I mercatini di Natale di Cracovia

weekend_cracovia_2
Mercatini di Natale

Se avete l’opportunità, pensate di prenotare un weekend per assistere ai mercatini di Natale di Cracovia. Assisterete allo spettacolo degli Szopki, un po’ i nostri “presepi” polacchi. Si tratta di piccoli edifici in miniatura che riproducono i monumenti più rappresentativi della città. Uno degli Szopki più belli è quello della Chiesa di San Francesco in piazza Wszystkich Swietych. Dal 25 novembre al 26 dicembre 2016, nella Piazza del Mercato ci saranno bancarelle con oggetti di ogni tipo: dipinti, oggetti di antiquariato, prodotti tipici, etc.

6. Gruzinskie Chaczapuri: la cucina georgiana tipicamente low cost

Le cotolette di maiale e il gulasch di agnello sono i piatti forti di questa catena di ristoranti sparsi in tutta Cracovia, ma che trova la sede più grande nella Piazza del mercato. A prezzi veramente ridotti, circa 10 euro a persona, si possono gustare ottimi piatti di carne alla griglia e tipicità polacche per tutti i gusti. Il nome khachapuri sta a indicare un pane di formaggio, tipico della Georgia, che viene condito con moltissimi ingredienti.

Fonte: kalariseventi.com.

di Valentina Varlese