Zanzare, soluzioni serie e semi serie per sopravvivere all’estate

Che estate sarebbe senza zanzare? Non sarebbe estate, visto che la stagione calda e umida non si può separare da questi insetti, che sembrano fare tutto quello che è nelle loro capacità per rovinarci l’estate: non solo ci pungono, ci fanno venire un prurito dannatissimo e magari anche pomfi gonfi e arrossati, ma ci disturbano anche mentre dormiamo. Con la conseguenza che poi fatichiamo a riaddormentarci finché non l’abbiamo stanata: e lo sappiamo che questo è praticamente impossibile, perché si sono fatte furbe. Sopravvivere alle zanzare, però, è possibile, con metodi “chimici”, naturali e anche con qualche metodo non ortodosso che però tutti mettiamo in pratica.

Cominciamo dai metodi chimici: in commercio ci sono tantissimi prodotti che possiamo usare. Creme, spray, salviette che applicano sulla nostra pelle un odore sgradevole che dovrebbe allontanare le zanzare, cerotti da attaccare ai vestiti o alla culla dei neonati che svolgono la stessa funzione, ma anche zampironi e fornellini da attaccare alla corrente elettrica.

Se non volete ricorrere a nulla di chimico, niente paura, la natura viene in nostro soccorso (certo, prima ci affligge con la piaga delle zanzare e poi ci offre dei rimedi naturali: a che gioco stiamo giocando???). Innanzitutto evitate ristagni di acqua in giardino e sul balcone, perché sennò le zanzare ci vanno a nozze. Installate delle zanzariere a porte e finestre e create le trappole fai da te per zanzare (esiste qualcuno che può testimoniare che funzionano?).

Possiamo anche affidarci ai pipistrelli, ospitando casette subito fuori da porte e finestre: loro sono ghiotti di zanzare e saranno felici di questa soluzione, un po’ meno i vostri capelli, ma è una leggenda metropolitana che si attaccano alla testa, vero? Tante anche le piante repellenti, come la catambra, i gerani. Tra gli altri principi attivi abbiamo la citronella, l’olio di neem, la menta, il ledum palustre…

Dopo tutti questi rimedi e prodotti, eccoci qui arrivati ai rimedi meno ortodossi e più drastici: armatevi di racchette ammazza zanzare, non ce ne vorranno gli animalisti, ma l’alternativa è il lancio della scarpa, che è uno sport nazionale in estate in molte case.

E di notte, via libera a dormite sotto al cuscino o sotto alle lenzuola, anche perché l’alternativa è schiaffeggiarsi di continuo nella speranza di colpire prima o poi l’insetto, che tanto ci tiene svegli… L’insonnia da zanzara è molto comune in estate, vero?

di Redazione