10 cose inutili da sapere ma che vi faranno sorridere

Ci sono mattine di inizio dicembre in cui non c’è proprio niente da fare.
Ok, Sky ci ha regalato un intero canale di cinema natalizio
Ok, le città si fanno in quattro per organizzare mercatini ed iniziative, volte a farci spendere anche ciò che non abbiamo…
Ok, hanno importato pure il Black Friday e inventato il Cyber Monday
Ma ci sono giornate che, come dice mia nonna, vanno dormite.

...dai Alice, sorridi...
Dai Alice, sorridi…

Punto.

Perché nemmeno la frittella grondante zucchero e calorie, o la tazza di vin brulè, che simula l’alcolismo intrinseco delle feste, possono aiutare a uscire dalla sadness zone, che ci attanaglia, inesorabile, di quando in quando.
Io sono una particolarmente attiva, che alla tristezza atavica assesta grossi calci nel deretano, a suon di chiasso e iper-attività, eppure anche io, alle volte, sono preda affranta.
Mi è successo giusto ieri, mentre vagavo con la mente, nei meandri delle paturnie, vaneggiando di chissà quali viaggi sul patibolo da compiere, di pensare che quando colpisce l’oblio c’è poco da fare.

...devo reagire, ce la posso fare...
Devo reagire, ce la posso fare…

Lo si subisce.
E come subisco io?
Imparando cose nuove.
Ok, è strano e poco azzeccato, che c’entra la tristezza cosmica con l’apprendimento?

NIENTE DI NIENTE

E proprio qui sta il bello.

In questo anfratto gioioso di tuttologia, la mia testa vaga un po’ più leggera, affinché il cor mi si spaura e si ritorna alla gioviale e consueta beatitudine che mi contraddistingue!
Quindi, se anche voi vi trovate nel vortice di “una di quelle giornate lì“, leggetevi queste 10 cose che non sapevate, che non vi è utile conoscere e che in nessun anfratto della vostra esistenza potranno mai servirvi… e godetene tutti!

1) Non è possibile leccarsi i gomiti

Attenzione a non appoggiarsi alle fette di pane con la nutella…

...fossi un cane mi leccherei anche i gomiti...
Fossi un cane mi leccherei anche i gomiti…

2) Una mucca può salire le scale, ma non può scenderle.

Ma mi chiedo perché dovrebbe avere a che fare con le scale una mucca…

3) Ogni re delle carte da gioco rappresenta un grande della storia:

– re di picche – David;
– re di fiori – Alessandro Magno;
– re di cuori – Carlo Magno;
– re di quadri – Giulio Cesare.

Delle regine non si hanno notizie, ma mi propongo per quella di picche…

...ispirazione geniale...
Ispirazione geniale…

4) I maiali non possono fisicamente guardare il cielo.

Tranne Spider Pork, quando ha a che fare con Homer Simpson

5) Umani e delfini sono le uniche specie che fanno sesso per piacere.

Quelli delle caramelle, invece che dire che il delfino era curioso, dovevano dirgli goloso…

7) Se tu urlassi per 8 anni, 7 mesi e 6 giorni, produrresti abbastanza energia sonora per riscaldare una tazza di caffè.

Mia mamma ci sta andando vicinissima…

...la faccia di mia mamma quando le ho letto questa mia considerazione...
La faccia di mia mamma quando le ho letto questa mia considerazione…

8) Alcuni leoni si accoppiano più di 50 volte al giorno.

Mi auguro, per il bene delle vagine delle leonesse, che cambi partner a ogni giro…

caro Simba... tu devi essere stata la quindicesima o la trentaseiesima volta quel giorno...
Caro Simba, tu devi essere stata la quindicesima o la trentaseiesima volta quel giorno…

9) Se, contro natura, tenete gli occhi aperti mentre starnutite, potrebbero uscirvi dalle orbite.

Ci ha provato Ray Charles…

10) Anticamente, in Inghilterra, la gente poteva avere relazioni sessuali solo se autorizzata dal re.

Pertanto chi voleva un figlio, a seguito di regolare richiesta di autorizzazione, riceveva un targa da apporre alla porta di casa, sulla quale era scritto “Fornication Under Consent of the King”, poi sintetizzato nella sigla “F.U.C.K.”. Da cui, la moderna espressione americana…

… tutte le volte che dirò fuck, penserò al figlio di qualcuno… opssssss già lo faccio!

di Alice Nember