Il bambino nel canale del parto

Il cosiddetto “impegno del bambino nel canale del parto” avviene quando la testa del bebè comincia a scendere verso lo stretto pelvico, così la posizione del bambino porta effettivamente al parto. Il nascituro può impegnare il canale del parto già dalla 36 esima settimana di gestazione, tuttavia questo momento, è cosa ben diversa dall’inizio del travaglio. Pensate che alcuni bebè impegnano il canale addirittura a travaglio già incominciato!

Quindi, qual è’ la differenza tra l’impegno del canale e l’inizio del travaglio?

Il bambino che “occupa” il canale del parto, assume solo una posizione che prepara il corpo della mamma alla nascita. Questa incide sulla forma della pancia, dato, ovviamente, il peso che la testa esercita verso il basso. La gestante avverte maggiori stimoli alla minzione per la pressione della testa del bebè sulla vescica. Altre accusano dolori nella parte bassa della zona pelvica e vaginale. Altre ancora subiscono qualche difetto intestinale. Ovviamente, come in tutte le cose, sul lato opposto ci sono partorienti che accolgono positivamente il cambio di posizione trovando più facile mangiare, camminare e respirare.

Il travaglio e il pre-travaglio sono completamente un’altra cosa. Infatti, vengono definiti come l’insieme dei processi attivi che conducono alla nascita del bambino. Il travaglio inizia quando la cervice della donna è dilatata. La fase precedente, il pre-travaglio, è il lasso di tempo in cui il corpo della gestante si prepara al parto. In genere, da quando si avvertono le contrazioni, il periodo prodromico (pre-travaglio) pesa psicologicamente e fisicamente sulla donna. Viceversa l’impegno del bambino nel canale del parto non affetta la partoriente e non richiede partecipazione della mamma che spesso se ne accorge solo per la mutata forma della pancia!

Quali fattori possono influenzare l’impegno del bambino?

Se il bambino ha ancora molto spazio per muoversi nel grembo materno, è molto improbabile che si metta in posizione.
La posizione della placenta.
La forma del bacino.
Come capire se il bambino si è “impegnato”?

Se non avete notato nessun cambiamento nel vostro corpo, potete chiedere al vostro ginecologo. Con un semplice tocco su l’addome lo specialista vi dirà se il bambino è impegnato nel canale del parto. In conclusione vi ricordiamo, ancora una volta, che ogni donna, ogni gravidanza ed ogni corpo è diverso. Non preoccupatevi se a 39-40 settimane il bambino non è ancora “sceso”, molti infatti, se sono piccoli e pesano poco, si muovono ancora facilmente all’interno dell’utero.

Vi siete accorte di questa “discesa”? Avevate dei sintomi o la vostra pancia ha cambiato forma? Raccontateci le vostre storie! Io non me ne sono accorta, ero convinta fosse ancora podalico e invece all’ultima ecografia, sorpresa si è girato!

di Lisa