Infertilità maschile: i pesticidi riducono il numero di spermatozoi

I pesticidi mettono a serio rischio la fertilità maschile.
Questo almeno è quanto dicono gli scienziati dell’Università di Harvard.

Lo studio è stato condotto dalla Harvard TH Chan School of PublicHealth Haward, ed è il primo che ha messo in relazione i pesticidi con qualità/quantità dello sperma.
Alla ricerca hanno partecipato 155 soggetti ed esaminati 338 campioni di sperma dal 2007 al 2012.
Sono stati raccolti i dati sulla dieta dei soggetti sotto osservazione.

In base ai dati raccolti, e tenendo conto anche di altri fattori che possono influenzare la qualità dello sperma, come il peso corporeo dei soggetti, fumo e alcol, i ricercatori, di concerto con il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno stilato una classifica della frutta e verdura secondo la quantità dei residui di pesticidi che rimangono al loro interno.

Ai primi posti troviamo: peperoni, mele, pere, spinaci e fragole. Piselli, fagioli e legumi in generale, pompelmo, cipolle contengono una quantità di residui di pesticidi più bassa.

Il professor Chavarro, che ha condotto lo studio, ci tiene a precisare che “Questi risultati non dovrebbero scoraggiare il consumo di frutta e verdura in generale. In realtà, abbiamo scoperto che consumare più frutta e verdura con residui di pesticidi basso, o nullo, è risultato benefico”.

di Eliana Avolio