Orange Is The New Black: dietro le sbarre di un carcere femminile!!

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

Mya, il canale di Mediaset Premium, ha annunciato lo slittamento a settembre per l’arrivo in Italia di Orange Is The New Black, la serie cult che ha debuttato negli States lo scorso luglio 2013.

Il canale ha scelto di partire con il debutto di Orange Is The New Black a settembre per aprire in bellezza la stagione autunnale del canale. La channel manager di Mya, Geraldina Neri, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto ha poi aggiunto che, per farsi “perdonare” il canale manderà in onda subito dopo la fine della prima stagione anche la seconda, che in America sarà rilasciata da Netflix il mese giugno appena trascorso.

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

Per chi non la conoscesse, Orange Is the New Black è una serie televisiva statunitense pubblicata dal servizio di streaming Netflix, ideata da Jenji Kohan e prodotta da Lionsgate Television. La serie è ispirata alle memorie di Piper Kerman Orange Is the New Black: My Year in a Women’s Prison, che nella vita reale ha scontato quindici mesi in un penitenziario femminile per aver aiutato, in passato, la fidanzata Alex Vause nel trasportare i soldi derivati dallo spaccio di droga.

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

La serie è un intreccio continuo e fitto di storie, ogni episodio racconta la vita prima e dopo del carcere di ogni singola detenuta, racconta quell’attimo in cui la vita precedente d’improvviso finisce e con lei se ne va qualsiasi forma di libertà.

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

La serie ha una bellissima sigla di testa, il brano You’ve got time di Regina Spektor su cui si susseguono i volti in primissimo piano delle carcerate reali (Piper compresa), è come se ogni volta volessero ricordarci quel filo sottile tra la finzione e la realtà, quella realtà dove quelle donne stanno davvero scontando una pena dietro le sbarre di un carcere.

Altro aspetto caratterizzante della serie è il tema sesso. Le donne, prevalentemente lesbiche, si cercano e si amano, in fretta, dove capita per sfuggire allo sguardo attendo delle guardie carcerarie. Anche le donne etero si lasciano sedurre da altre donne e si abbandonano al piacere momentaneo dell’istante rubato. La ricerca del piacere, l’esposizione del corpo, il sesso come forma di esplorazione, Orange Is The New Black è anche questo.

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

Per il momento quindi, per chi fosse incuriosito da questo fenomenale prodotto potrà seguirlo da settembre solo su Mya, speriamo che quanto prima venga trasmesso anche in chiaro e sia visibile a tutti.

Orange Is The New Black - foto da movieplayer.it
Orange Is The New Black – foto da movieplayer.it

di Carlotta Di Falco