Il questionario delle malamamme: Eva, il Caffè della Peppina e le calze parigine

Sottofondo musicale da utilizzare durante la lettura dell’intervista?
Eyes wide shut vals. Dmitrij Dmitrievič Šostakovič.

the dark side of mila
the dark side of mila

Playlist per momenti rock’n roll con figlio/a?

Boys dont’cry – The cure
Gas gas – Goran Bregovic
April march – Chick habbit


Suffragetta o crocerossina?

Suffragetta come la mamma dei bambini di Mary Poppins.

Cosa fai di nascosto tra le cose che proibisci categoricamente a tuo figlio?

Mangio il prosciutto con le mani.

Tre cose che ti fanno sentire malamamma?

Ballare, i vestiti a tubino, le calze parigine.

parigine
parigine


La tua ultima memoria intellettuale vissuta prima di diventare mummy? E la prima dopo? Ok, quanto è passato?

Le memorie di San Pietroburgo di Giuliano Montaldo prima, Il coltello a serramanico di Emanuellele Bernhieim dopo. Tre mesi.

Sei la migliore.Quando?

Quando faccio ridere pur dicendo cose antipatiche.

La tua serata ideale con persone al di sopra di un metro e trenta?

Uscire alle sette in pieno orario bagnetto, non ha prezzo.


Febbraio. Domenica pomeriggio. Diluvia. Non c’è adsl. Quindi?

Si mette a ferro e fuoco l’armadio di mamma e ci si traveste.


Questo proprio non lo faccio. Cosa ti fa orrore delle cose da mummy?

I vestiti con le macchie di pappa e la ricrescita dei capelli trascurata.

Rapporto con i tacchi prima e dopo?
Adesso il tacco non promette nulla di buono.

Le relazioni pericolose.Un libro o una realtà?

Un film. Da paura.

Adesso non posso proprio vedere…

La stanza del figlio di Nanni Moretti.

Sponsor ufficiale della tua giornata?

iMac. Fino alle quattro e mezza.

La cosa più assurda che hai fatto pur di lavorare?

Ho iniziato a scrivere e vi assicuro che fino a un anno fa era una cosa assurda!

Quante canzoncine conosci e con quale tortureresti il tuo peggior nemico?

Ripasso quelle che già conoscevo. Il caffè della Peppina, detesto la melodia nonostante apprezzi lo sforzo di andare su un registro surreale.

A parte l’aereosol, cosa ti sballa?

Una musica bella e un paio di guance che conosco bene.

Le famiglie italiane hanno in media 1,4 figli. Aiuteremo il fratellino “frazione” del solito figlio unico italiano dei sondaggi, a diventare un numero intero?

Ci pensano le mie amiche.


Se non qui,dove?

Parigi, Caffè Flore, anni 30.

di Eva Milella