Il questionario di Malamamma: risponde Paola Ferrara

Paola è la Malamamma del nostro gruppo che ha più senso pratico e dell’organizzazione. Devi festeggiare il compleanno del tuo bambino nel Gran Canyon? Una festa di quarant’anni rendendo il giardino di una polisportiva semi-abbandonata un locale alla moda? Solo lei può aiutarti. Da un pò di tempo, per conciliare la cura dei suoi due figli maschi e il lavoro, collabora con suo marito alla realizzazione di Dailybreakhotels, un portale di prenotazione delle camere e dei servizi degli hotel (tra cui le SPA) in Day Use, cioè rigorosamente di giorno! Superato il primo momento in cui pensi solo al lato promiscuo della cosa, ti rendi conto che puoi parcheggiare tuo figlio a scuola e goderti una spa e qualsiasi altro servizio un albergo offra ritagliandoti del tempo prezioso per te, tuo marito o le tue amiche. E se non è un’idea da Malamamma questa…

Sottofondo musicale da utilizzare durante la lettura dell’intervista?

Robbie Williams – Candy (mette allegria)

Playlist per momenti rock’n roll con figlio/a?
Get lucky – Daft Punk

Ligabue – Urlando contro il cielo

Queen – Don’t stop me

Suffragetta o crocerossina?

Crocerossina – il femminismo ci ha rovinato, non c’è più un cane che ci apra la portiera della macchina!

Cosa fai di nascosto tra le cose che proibisci categoricamente a tuo figlio?

Mangio latte e cereali sul letto davanti alla televisione.

Tre cose che ti fanno sentire Malamamma?

Guidare troppo veloce, sognare una settimana di vacanza in piena solitudine, dire le parolacce.

La tua ultima memoria intellettuale vissuta prima di diventare mamma? E la prima dopo? Ok, quanto è passato?

Lolita di Nabokov. “Fate la nanna” dite che non è abbastanza intellettuale? Letto e riletto dopo 1 anno circa senza trarne alcun beneficio.

Sei la migliore. Quando?

Riesco a caricare la macchina facendoci stare anche il passeggino della Stokke oltre che le borse di 4 persone.

La tua serata ideale con persone al di sopra di un metro e trenta??

Cinema e cena fuori – guardare un intero film senza qualcuno che ti chieda quando arriva il suo turno dei cartoni animati è un vero lusso.

Febbraio. Domenica pomeriggio. Diluvia. Non c’è adsl. Quindi?

Praticamente l’anticamera dell’inferno – invitiamo amici con figli per una merenda ma ne usciamo comunque devastati.

Questo proprio non lo faccio. Cosa ti fa orrore delle cose da mamma?

La mancanza di argomenti di conversazione al di fuori dei problemi dell’asilo e il non avere più del tempo SOLO per te.


Rapporto con i tacchi prima e dopo?

Sono piena di scarpe coi tacchi alti comprate (per reazione) mentre ero incinta e adesso che potrei indossarle me ne guardo bene!

Le relazioni pericolose. Un libro o una realtà?

Mantenere uno straccio di rapporto di coppia con 2 bimbi per casa non è già abbastanza pericoloso?

Adesso non posso proprio vedere:

Le foto dei bimbi che muoiono di fame.

Sponsor ufficiale della tua giornata?

Tutti i bar di Trastevere rigorosamente in fascia diurna.

La cosa più assurda che hai fatto pur di lavorare?

Ho consegnato pizze vestita da Babbo Natale (mooolti anni fa).

Quante canzoncine conosci e con quale tortureresti il tuo peggior nemico?

So tutte le sigle dei cartoni animati ma credo che il ritornello “Dora Dora Dora l’esploratriceeeeeee” sia come la goccia cinese.

A parte l’aerosol cosa ti sballa?
Inzuppare la focaccia nel cappuccino e sentire mio figlio che a 4 anni azzecca qualche congiuntivo.

Le famiglie italiane hanno in media 1,4 figli. Aiuteremo il fratellino “frazione” del solito figlio unico italiano dei sondaggi, a diventare un numero intero?

Ho già dato – 2 maschietti, più l’uomo di casa fanno 3 – bastano e avanzano.

Se non qui, dove?
Miami Beach sdraiata al sole… lo so, sono un po’ cafona dentro!

di Eva Milella