L'altra faccia di Malamamma: mi presento, sono Elisa!

Sono Elisa. Per alcuni anni sono mi sono chiamata Elisa Giani, poi Elisa Romagnoli Giani, poi ancora Elisa Romagnoli Giani in Angeletti, poi ho capito che questa cosa dei cognomi rende solo la mia vita più complicata del previsto, per cui sono solo Elisa.

Malamamma Elisa tipo appena sveglia
Malamamma Elisa tipo appena sveglia

Ho 30 anni, sette fratelli, un padre e mezzo, una mamma, sei nonni, un ex marito e due suocere; sono alta uno e settanta, sono pigra, colleziono scatole di latta, scarpe e accendini, sono ossessionata dal conservare l’acqua di cottura ogni volta che preparo la pasta, porto gli occhiali da sole anche alle dieci di sera.
Ho il completo controllo mnemonico su tutta la sceneggiatura di Star Wars, Ritorno al Futuro, I Goonies e Pinocchio. Adoro lavarmi i denti sotto la doccia, dimentico sistematicamente di comprare il latte, adoro bere caffè, mangiare pane wurstel e ketchup in piedi davanti al frigo, leggo sei libri insieme, sono la regina dei cibi precotti.

Malamamma Elisa che si trucca e fa le posone
Malamamma Elisa che si trucca e fa le posone

Perdo tutto. Sempre. Arrivo con largo anticipo. Sempre. In motorino necessito di auricolare e Subsonica per ogni mia tratta, compro in maniera compulsiva tutto di Rebecca Dautremer, ogni mese butto 50 euro per una palestra mai vista, adoro le agenzie di viaggio, sono una designer, lavoro di domenica mentre il resto del mondo è in pigiama e sto in pigiama mentre il resto del mondo ricomincia la propria settimana, ho la tiroide che non riconosce se stessa, Michel Gondry lo vorrei come zio, Matt Bellamy cugino di primo grado. Odio asciugarmi i capelli, mettermi a dieta e stirare.

Coppia scema al mare
Coppia scema al mare

Ah, sono anche la mamma di una bimba di cinque anni e mezzo. Margherita, ma tutti la chiamiamo Mina, o Minuzza, o Vieniqui!

Mina è ossessionata dalle gonne che fanno la ruota, riordina in maniera inquietante i suoi DVD ogni giorno, odia la Coca-Cola, aspetta la pubblicazione di È facile smettere di ciucciare il dito, se sai come farlo, suona l’oboe e da grande vuole fare la veterinaria delle balene. E ogni volta che va a letto mi dice che è orgogliosa di me, ma soprattutto è orgogliosa di se stessa, che quando ha i giorni in cui sente dei cambiamenti sono giorni belli, mi dà un bacio, si gira, dorme. Tranquilla.
Ed io capisco solo in quel momento che sto facendo un buon lavoro.

Da oggi vi racconterò come dagli errori possono nascere stupefacenti giochi, e dalle imperfezioni allegre strategie. Seguitemi, d’ora in poi per voi insieme a Eva sarò #Malamamma (qui dovrei mettere il punto esclamativo ma mi fa orrore – fate finta che l’abbia messo.)

Malamamma è anche su YouTube, per seguire le storie e i consigli di Eva ed Elisa clicca qui!

di Elisa Giani