Mamme come noi: il #Malamamma test!

Sottofondo musicale da utilizzare durante la lettura dell’intervista?

Radio Life Gate. Alle nove di sera spengo il cervello. Anche per la scelta di un brano musicale… Quando ancora voglio connettere: Placebo, Ministri, Nobraino, Incubus, gente allegra insomma.

Playlist per momenti rock’n roll con figlio/a?

Mina. Rino Gaetano. Queen e, quando lei me lo permette, lo zecchino d’oro.

Suffragetta o crocerossina?

Suffragetta, ma con termometro e paracetamolo sempre in borsa.

Io e mia madre; lei 24 anni, io 60 giorni scarsi.
Io e mia madre; lei 24 anni, io 60 giorni scarsi.

Cosa fai di nascosto tra le cose che proibisci categoricamente a tuo figlio?

Mangiare Nutella con tutte le dita direttamente dal barattolo.


Tre cose che ti fanno sentire Malamamma?

Il mio Scarabeo 50 bianco che non mi abbandona dal liceo. Rollare una sigaretta al parco con le Superga ed essere scambiata per la solita baby sitter indegna.

La tua ultima memoria intellettuale vissuta prima di diventare Malamamma? E la prima dopo? Ok, quanto è passato?

Andare all’università con la pancia e seguire lezioni di semiotica.
Tornare all’università senza pancia e seguire lezioni di semiotica perché continuo a non capirci nulla (sono passati 4 anni).

12 mesi e qualche colpo di sole biondo naturale.
12 mesi e qualche colpo di sole biondo naturale.

Sei la migliore. Quando?

Quando esco e non mi sento una madre snaturata per aver lasciato mia figlia nelle mani di Morfeo (e della nonna).

La tua serata ideale con persone al di sopra di un metro e trenta??

Aperitivo al centro di Roma. Cinema. Festa con tanta tanta gente, molto molto alta.

Febbraio. Domenica pomeriggio. Diluvia. Non c’è adsl. Quindi?

Quindi muffin.

Al mare. Lo iodio rende arcigni anche a tre anni.
Al mare. Lo iodio rende arcigni anche a tre anni.

Questo proprio non lo faccio. Cosa ti fa orrore delle cose da mamma?

Dire a mia figlia: ti piace questo “A MAMMA????”, oppure: vieni qui “A MAMMA”, o anche: prendi questo “A MAMMA”; è chiaro, insomma….


Rapporto con i tacchi prima e dopo?

Prima il nulla.
Ora servono a togliere quei due chili del cacchio che sono rimasti. Ma solo se mi si assicura l’assenza TOTALE dei sampietrini al mio passaggio.

Le relazioni pericolose. Un libro o una realtà?

Pura realtà. Almeno da quando mia figlia si diverte a rimorchiare tutti quelli con un cane.

La scuola.
La scuola.


Adesso che sono Malamamma non posso proprio vedere:

In tv i pacchi su Rai 1. Se qualcuno perde posso piangere ancora per 10 minuti singhiozzando.


Sponsor ufficiale della tua giornata?

Hai un autonomia di 7 ore. Qualsiasi cosa dovesse succedere, ricordati che alle quattro, cascasse il mondo, ritorni a prendere la tua bambina e dovrai essere la sua roccia.

La cosa più assurda che hai fatto pur di lavorare?

Impartire lezioni private inutili e costosissime sulla costruzione di un gioiello ad una perfetta idiota e non avere il coraggio di dirle che no, tesoro, questo non è proprio il tuo mestiere…

Gli anni ottanta: modalità banda della magliana.
Gli anni ottanta: modalità banda della magliana.


Quante canzoncine conosci e con quale tortureresti il tuo peggior nemico?

“Il coccodrillo come fa taratattattatattà”. Una cantilena da orticaria. E se non dovesse funzionare, parto con “Volevo un gatto nero”. Perfetta descrizione del classico ragazzino stronzo.

A parte l’aereosol, cosa ti sballa?

…. No. Non lo dico…

Le famiglie italiane hanno in media 1,4 figli. Aiuteremo il fratellino “frazione” del solito figlio unico italiano dei sondaggi, a diventare un numero intero?

MAI.

Se non qui, dove?

A Formentera. Scalzi. Con tutti i nostri figli che si tuffano in acqua da ore e noi mamme che NON urliamo “Esci sennò pigli freddo alle orecchie”. L’incubo della mia infanzia.

oggi sono così e questa è la mia attività
oggi sono così e questa è la mia attività

Prossima settimana, stesse domande con diverse risposte, quelle della mia geniale amica chic Malamamma Eva.

di Elisa Giani