11 curiosità sui neonati che nessuno sa spiegare

Anche se la scienza ci fornisce molti strumenti che ci aiutano a conoscere in profondità i neonati, ci sono ancora un sacco di aspetti che non conosciamo e che una volta appresi, ci lasciano veramente senza parole. Madre Natura è molto saggia e a noi sembra impossibile che queste minuscole creature possano racchiudere tanti segreti e abilità, anche se hanno bisogno delle nostre cure e attenzioni, per crescere sani e forti.

Ecco 11 interessanti curiosità sui neonati:

1. Non hanno l’alito cattivo. Sì, un neonato non avrà mai l’alito cattivo. Infatti non avendo i denti, non c’è posto per gli avanzi di cibo dove i batteri possono crescere e proliferare.

2. Non producono lacrime. Di qualcosa possiamo essere sicuri: se non vedi le lacrime nel neonato, non è perché non sta “soffrendo”. Piangono, ma di gemiti. I loro occhietti non rilasciano una goccia perché i condotti lacrimali sono ancora chiusi.

3. Lo starnuto pulisce le vie respiratorie. Avete notato che i neonati starnutiscono molto spesso? Se sei un genitore “principiante”, potresti aver pensato ad un raffreddore. No, a meno che non abbia anche febbre o altri sintomi. I neonati, invece,  usano gli starnuti per liberare le vie respiratorie.

4. Sanno nuotare. Non dovrebbe sorprendervi, dopotutto hanno passato 9 mesi in un ambiente pieno d’acqua, sommerso da liquido amniotico. Naturalmente, nel grembo materno,  i polmoni non hanno bisogno di respirare. Eppure, lo stretto rapporto con l’acqua è qualcosa che il loro corpo non “dimentica”, fino a circa i 2 mesi di vita.

5. Dormono meglio in un ambiente rumoroso. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, un ambiente rumoroso, ma non troppo, sarà il luogo perfetto per far addormentare il bebè. Vi suonerà strano, ma il rumore li aiuta a rilassarsi, si sentiranno “a casa”, cioè nel grembo materno. Ascoltare le registrazioni del battito cardiaco o di altri suoni ambientali, può essere molto utile per aiutarli a rilassarsi.

6. Non riconoscono il salato e preferiscono cibi freschi.

Come altre parti del corpo, le papille gustative dei neonati non sono ancora completamente sviluppate, infatti il loro senso del gusto lascia molto a desiderare! Quindi è importante allattare il piccolo almeno per i primi 6 mesi di vita. Infatti il latte materno, o artificiale, non contiene né sale, né zucchero, elementi difficili da smaltire dai reni del bebè.

7. Respirano e deglutiscono simultaneamente. Provate a farlo. Impossibile, giusto? Anche questa capacità è legata all’ambiente acquatico del grembo materno. Infatti, proprio come sanno trattenere il respiro mentre nuotano, sanno respirare e deglutire nello stesso momento.

8. Sono “geneticamente programmati”. Istintivamente, i neonati, rispondono a voci umane, in particolare a quelle femminili. La verità è che l’udito è il senso che prima si sviluppa. Il feto può distinguere la voce della mamma già dal secondo trimestre di gravidanza. Subito dopo la nascita, è in grado di voltare lo sguardo verso i rumori e le voci che conosce.

9. Hanno la testa più grande del cervello. Come avrete notato, in più di un’occasione, il capo dei neonati ha dimensioni maggiori rispetto al resto del corpo. Tanto che, il capo, rappresenta poco meno di un quarto del suo peso totale. Più sorprendente ancora sarà sapere che, il cervello dei neonati, corrisponde a circa il 10% del suo peso totale. Mentre in età adulta, il nostro cervello tende a non superare il 2%.

10. Olfatto molto sviluppato. Dal momento che, il senso della vista, non è molto sviluppato nei neonati, l’odore, insieme a l’udito, diventa essenziale.  Anche al buio, un neonato sarebbe in grado di guardare nella direzione in cui è la madre! Sorprendente!

11. Hanno tante ossa ma mancano le rotule.

Da adulti abbiamo 206 ossa, quando siamo neonati ne possediamo circa 300!! Le rotule si formano intorno ai 2 anni del bambino perché, in età precoce, non è necessario che il piccolo stia in piedi.

Conoscevate tutte queste piccole cose? Lasciateci i vostri pensieri nei commenti!

di Lisa