Acido folico in gravidanza. L’assunzione è molto importante.

Quando si resta incinta ci sono molte regole da seguire per preservare la propria salute ma soprattutto quella del bebè che sta crescendo nella nostra pancia. Tra queste l’assunzione di acido folico, sia prima sia durante la gravidanza, è molto importante perché aiuta a prevenire alcuni difetti di nascita. Questi possono includere:

  • Spina bifida;
  • Anencefalia (assenza di parte del cervello o dl cranio);
  • Alcuni difetti cardiaci

Quello che gli esperti raccomandano è l’assunzione di acido folico all’inizio della gravidanza, e se avete intenzione di rimanere incinta, consigliano di iniziare a prendere l’acido folico almeno 1 o 2 mesi prima di provare a concepire. I ginecologi lo consigliano perché i difetti del tubo neurale si verificano durante una fase iniziale di sviluppo, prima ancora di sapere di essere in stato di gravidanza.

La dose raccomandata è di 400 microgrammi al giorno; le donne che assumono la dose giornaliera raccomandata, a partire da almeno un mese prima del concepimento e durante il primo trimestre di gravidanza, riducono il rischio per i piccolo di avere difetti del tubo neurale, fino al 70%. L’acido folico, inoltre, riduce il rischio di labbro leporino, palatoschisi e alcuni tipi di difetti cardiaci.

L’organismo ha bisogno di acido folico per regolare il livello di globuli rossi nel sangue e per prevenire l’anemia, è anche essenziale per la produzione, la riparazione e il funzionamento del DNA. Alcune organizzazioni, come il “National Institutes of Health” degli Stati Uniti, vogliono aumentare la dose a 600 mcg al giorno; i ricercatori suggeriscono anche che le donne che hanno avuto una precedente gravidanza a rischio, con difetti del tubo neurale, dovrebbero prendere una dose più alta di acido folico.

Un consiglio? Controllate sempre le etichette delle vostri vitamine per assicurarsi che si sta prendendo la giusta quantità di acido folico. Le vitamine prenatali prescritte dal vostro medico, possono contenere 600-1000 mcg di acido folico; non assumere mai più di 1000 mcg di acido folico al giorno, a meno che non sia stato il medico a dirvelo. In caso di parto gemellare il ginecologo consiglierà di prendere circa 1000 mcg di acido folico ogni giorno.

L’acido folico è una vitamina del gruppo B, molto importante per l’organismo, nel periodo dell’attesa il fabbisogno di questa vitamina aumenta notevolmente per tutelare la salute del bimbo e per questo motivo è consigliata una sua assimilazione costante e in misura sufficiente per il benessere di mamma e bebè. D’accordo mamme? Ricordatevi sempre di prendere la vostra dose giornaliera!

di Lisa