Andare a letto presto fa bene al bambino, ma anche ai genitori

Una delle imprese più difficili, per un genitore, è far addormentare i propri figli. Ancora più ardua si dimostra quella di mandarli a letto presto. Nonostante la battaglia risulti molto dura, ci si dovrebbe provare con tutte le proprie forze. Infatti, secondo la scienza, andare a fare le ninne molto presto, fa bene al bambino, ma non solo…

Una recente ricerca australiana dimostra che mandare a letto presto i figli fa bene si ai bambini, ma anche ai genitori. Perché? Gli studiosi hanno indagato su migliaia di famiglie australiane e sulle loro abitudini in fatto di sonno; lo studio è stato chiamato “Growing up in Australia” ed è stato pubblicato sulla rivista “Sleep Medicine”. La ricerca è iniziata nel 2004, studiando due diversi gruppi:

  1. Famiglie con bambini di 4-5 anni;
  2. Famiglie con bambini tra 0-1 anno.

L’obietto della ricerca era esaminare come l’ambiente esterno, sociale, economico e culturale, influisse sulla vita del bebè, in particolare sulla sua salute. Sono stati presi in considerazione diversi fattori: qualità della vita, stato di salute dei genitori, livello di alfabetizzazione, proprietà di linguaggio del bambino, apprendimento ecc… Esaminando i risultati ottenuti è emerso che: nelle famiglie in cui i bambini, per abitudine, andavano a dormire presto, intorno alle 20:30, la salute mentale e fisica era migliore, anche nei genitori.

Non sono comunque le ore di sonno a decidere la qualità della vita. Ma resta il fatto che stanno meglio quei bebè e quelle famiglie che vanno a dormire prima e di conseguenza si svegliano presto al mattino! Se non riuscite a far addormentare i vostri figli, adesso avete un valido motivo: a nanna presto? Ottima salute, anche per mamma e papà!

di Federica