Assegno per i figli fino ai 26 anni: proposta in Parlamento

Novità per i genitori con i figli a carico, arriva infatti l’assegno universale che andrà a sostituire le esistenti agevolazioni in vigore per le famiglie; il bonus è previsto dalla legge n. 1473, presentata al Senato nel 2014 e in questi giorni ha ripreso il suo percorso parlamentare.

Che cos’è l’ “assegno universale” ?

Si tratta proprio di un assegno, per ciascun figlio a carico, lo scopo della commissione Finanze del Senato è quello di riscrivere le detrazioni e gli assegni familiari, accorpandolo in un unico e grande strumento universale, per famiglie con basse soglie ISEE e non per famiglie più benestanti. La proposta consisterebbe anche ne l’assegnazione del denaro, indipendentemente dal lavoro dei genitori.

In cosa consiste questo bonus?

L’importo varia a seconda dell’età dei figli:

  • 200 euro al mese, per ogni figlio, fino a tre anni di età;
  •  150 euro fino ai diciotto anni;
  •  100 euro dal compimento della maggiore età fino al ventiseiesimo compleanno (limite in cui il figlio potrebbe aver assunto una sua autonomia economica).

Se la proposta fosse approvata (il voto è previsto per le prossime settimane) verrebbero poi abolite tutte le agevolazioni fino a adesso riconosciute alle famiglie: assegno al nucleo familiare ANF; assegno al sussidio per famiglie numerose, con almeno tre figli minori; detrazioni IRPEF per minori a carico.

Chi può fare richiesta?

Ancora sconosciuto il reddito ISEE entro il quale si può fare domanda: alcuni parlano di un reddito fino a 50 mila euro (l’importo mensile andrà progressivamente a scalare per la fascia dai 50 ai 70 mila euro); altri sostengono invece, che la soglia sia di 30 mila euro. In questo caso l’assegno sarebbe uguale per tutti, per poi andare a calare nella fascia tra 30 e 50 mila euro. la cosa certa è che l’assegno universale verrà rilasciato “in denaro”,  in modo da superare l’esclusione dalle detrazioni fiscali.

Eravate a conoscenza di questa proposta di legge? Sarebbe un ottimo sostegno per i ragazzi che non sono autonomi economicamente, non trovate? Speriamo che la proposta venga accettata, vi terremo aggiornate!

Condividete, forse non tutte le vostre amiche lo sanno.

di Federica