Avete perso il sonno? Le conseguenze del non dormire sono molto gravi

Un consiglio spassionato, a volte ironico, ma purtroppo tristemente realistico: “Dormi finché ti sarà possibile!”. Si sa, la vita di un genitore, con l’arrivo di un bebè, viene spesso stravolta. E’ solito incappare in storie di donne che pensate, non dormono da anni. Una recente ricerca ha dimostrato che sono ben 44 i giorni di sonno persi, durante il primo anno di vita del bambino!

Ma quali sono i danni alla salute della mamma?

Immaginate cosa può succedere a una persona che non dorme? Non a caso la “mancanza di sonno” è un metodo di tortura, utilizzato circa 500 anni fa, per far impazzire i prigionieri o per farli confessare (utilizzato ancora oggi a Guantanamo)! Non dormire produce una serie di conseguenze quali:

  • danni cognitivi;
  • ansia;
  • rabbia ed irritabilità;
  • psicosi

A dirlo è Mia Scotland, psicologa e psicoterapeuta che si occupa di depressione post-parto e problemi post-natali: “Recentemente ho lavorato ad alcuni studi sulla salute mentale materna, che includono il rischio reale di soffrire di una forma severa di depressione post-partum, di disturbo post traumatico da stress e psicosi. Tutti e tre hanno in comune una cosa: la mancanza di sonno”. Spesso tendiamo a sottovalutare l’importanza del sonno: la”privazione cronica” è quando, notte dopo notte, non si riesce a soddisfare il bisogno di dormire.

Recentemente, in proposito, è stato condotto uno studio su alcuni studenti, divisi in due gruppi:

  1. Al primo gruppo è stato impedito di dormire;
  2. Il secondo gruppo ha dormito regolarmente.

Il giorno seguente, il gruppo di studenti “insonni” ha mostrato segni di ansia e un’ attività cerebrale diversa dal secondo gruppo. Infatti, senza dormire, il cervello non riesce a discriminare le emozioni di panico e di paura, dalla parte razionale.

Spesso sottovalutiamo la mancanza di sonno, il consiglio ovviamente è quello di dormire quando dorme anche il bebè. Ma se fa dei micro-sonnellini? I papà devono aiutare, darsi il cambio con la propria compagna. Permettere alla mamma di riposarsi gioverà a tutta la famiglia. Dopo tutto, non siamo delle super eroine! La nostra società deve permettercelo, prevedendo ad esempio un congedo di paternità più lungo, obbligatorio per tutti i neo-papà, nessuno escluso. Diamo la giusta importanza alla salute delle madri!

Voi cosa ne pensate, siete d’accordo? Condividete!

di Lisa