Caro dottore ti scrivo: Fosse stato per te non avrei mai allattato!

“Caro dottore,

 ho deciso di scriverti questa mail  per dirti che il mio bambino non ha avuto bisogno del latte artificiale che tu, gentilmente, mi hai prescritto quando è nato; il latte il mio bambino lo ha assunto da me e non c’è stato alcun bisogno di “dare una piccola aggiunta”. Il mio latte fortunatamente gli basta, gli è sempre bastato, perché io, contro quello che mi hai suggerito, non lo allatto ogni 3 ore ma lo allatto quando ha fame, vuol dire che lo attacco al seno ogni volta che vogliamo (io e lui): quando piange o non piange ma si morde le manine, quando gira la testa verso di me, quando percepisco che è nervoso, quando mi va, quando lui me lo chiede e mi dice che vuole la sua “tetta”, quando ciuccia resta attaccato anche per più di mezz’ora! Invece caro dottore, tu mi avevi suggerito di attaccarlo solo 5 minuti per seno… Ricordi?”.

“Lo allatto anche di notte e no, non lo faccio dormire nel suo lettino, dorme con me, mi sono informata e di notte la prolattina raggiunge il suo picco più elevato e io lo allatto mentre dormiamo, è così bello dottore, indescrivibile! Anche se ha ciucciato mezz’ora  fa io lo voglio riattaccare, e non è vero, come dicevi tu, che se lo allatto di continuo starà male, anzi tutt’altro. Una volta, il piccolo aveva appena 3 mesi e sono venuta nel suo studio, la bilancia disse che il bambino era cresciuto solo 50 grammi, mi hai subito ripreso dicendomi: ‘Signora, dobbiamo rivedere il discorso allattamento; 50 grammi sono ben lontani dalle tabelle di crescita!’. Ma le tabelle che usi tu caro dottore, sono state elaborate anni  fa e sulla base di bambini allattati artificialmente; mio figlio invece è allattato al seno, nonostante le tue strane indicazioni. Magari se i bambini, per una settimana, non crescono di peso come tu comandi, forse sono aumentati di circonferenza cranica, di altezza o cresceranno nel corso del mese… Non trovi?”.

“Sei uno dei pediatri più famosi di Roma, hai sempre lo studio pieno di mamme che pendono dalle tue parole, tu che quando hai capito che non avrei mai acquistato il latte artificiale, hai lanciato sulla scrivania il campioncino di una scatola di fermenti lattici specifici per allattamento, dovevi rifilarmi per forza qualcosa? Ti dico che io non li ho mai presi!. Mi hai anche detto, più di una volta: ‘Signora a 4 mesi bisogna inserire la frutta!’, ma ti prego… inizia ad informarti su l’allattamento! Aggiornati e segui le raccomandazioni dell’ OMS e del Ministero della Salute!. Anche nell’ultima visita mi hai detto che il latte, dopo l’anno di vita del bambino, non è più nutriente e potrebbe causargli problemi psicologici. Ma dimmi, dove hai preso queste informazioni? C’è un riscontro scientifico in quello che mi dici? Se c’è, lo voglio conoscere anche io!”.

“Forse starà pensando che non sono un medico, esatto, ma sono una mamma che ha voluto a tutti i costi allattare il suo bambino e lo ha fatto, per fortuna ho avuto la forza di non accettare i tuoi consigli, né per il primo, né per il secondo figlio! Ma altre mamme invece saranno deboli, cadranno nella tua trappola, tu riuscirai a rovinare il loro allattamento. Sei un bravo dottore, sulla sfera patologica non ti batte nessuno, ma sulla fisiologia mmm… lasci molto a desiderare. Solo qualche anno fa altri medici sono stati arrestati, prescrivevano latte artificiale alle neo-mamme in cambio di regali come viaggi, soldi, benefits… vale così poco la salute dei nostri figli? Certo l’allattamento al seno no fa guadagnare nessuno, ma hai idea del risparmio economico che hanno le famiglie? Tu pensi al tuo business, ma noi pensiamo al nostro… hai mai provato a dire la verità? Più attaccate i vostri bambini e più il latte scende! Anche se all’inizio sarà difficile e bisogna farlo ogni dieci minuti. E poi la storia della doppia pesata, serve solo a stressare noi mamme e a farci venire inutili paranoie! Io l’ho buttata quella maledetta bilancia!

Mamme con l’aggiunta tutto questo non accade, se non stimolate il seno il vostro latte tornerà indietro e potete dimenticarvi la meravigliosa esperienza dell’allattamento!  Cari medici, non guardate solo agli interessi economici delle multinazionali che vi bussano alla porta, guardate gli occhi delle mamme, dei bambini, sosteneteli perché l’allattamento al seno è una grande risorsa, per entrambi, cercate di non deludere nessuno, è anche questo il vostro lavoro, o no?”

Care mamme, che cosa ne pensate dello sfogo di questa donna? E’ davvero così’, c’è prima l’interesse economico e poi la salute dei nostri figli? Scriveteci la vostra esperienza, se vi è mai stata fatta una “proposta commerciale” dal vostro medico? Io personalmente mi ritrovo molto in queste parole, all’inizio davo l’aggiunta a mio figlio ma stava male, coliche, rigurgiti. Poi un giorno ho pensato, per una settimana non glielo do, voglio vedere quanto cresce solo con il mio latte. Lo attaccavo ogni 10 minuti, uno stress pazzesco ma alla fine, indovinate? Cresceva benissimo! Ho proseguito tutto il mese e alla fine mi ha preso 1 kg! Quindi il mio consiglio è questo, provateci, non costa nulla! Il latte artificiale non scappa ma non togliete la possibilità al vostro bambino di crescere con il latte materno e di godere di tutti i suoi benefici! Ricordate, più il bambino “ciuccia”, più il latte scende! CONDIVIDETE!

di Lisa