E’ vero che un bambino si vizia se tenuto in braccio?

Tutte noi mamme ci siamo sentite dare continuamente consigli da chi crede di saperne più di noi riguardo a cure e attenzioni da dare ai propri figli. Il più frequente? “Non prenderlo sempre in braccio, così lo vizi!”. Si tratta di un pregiudizio piuttosto popolare, molto diffuso nella comunità; la cosa non ha alcun fondamento scientifico e alcuna base oggettiva. Ma nonostante questo è tramandato negli anni…

maternita-logo-950x713

I neonati, attraverso il pianto, richiedono le braccia dei genitori, il calore ma soprattutto l’odore della mamma. Stare in braccio ad un genitore è fonte di sicurezza, di appagamento e protezione. Perché negarlo al proprio figlio? E’ giusto limitare il contatto fisico mamma-figlio? Non dimentichiamo che il parto per il bambino è traumatico e ogni neonato ricerca il contatto, soprattutto con i genitori. Rispondere ai bisogni del proprio bambino significa accompagnarlo in una crescita sana e serena.

enhanced-20708-1397336790-8

Un bambino che piange per essere preso in braccio non è viziato o capriccioso, non cerca le attenzioni dell’adulto senza un valido motivo. E’semplicemente la manifestazione di un bisogno. Trascurare questa richiesta non agevola la formazione di una futura indipendenza personale e autonomia. Ricordiamoci sempre che si tratta di un bambino, egli non sarà mai completamente indipendente, figuriamoci dal punto di vista affettivo, nessuno lo è! Il contatto fisico è importantissimo, è un bisogno fisiologico e nessuno può negarlo, la vicinanza madre-bambino è vissuta addirittura come un bisogno primario. Rispondiamo a questa gente che dispensa consigli, che un bambino, prima di essere educato, deve sentirsi amato e rassicurato, solo così si sentirà pronto per affrontare la vita.

prendere-in-braccio

Vi è mai capitato di ricevere questi “ammonimenti”? Da oggi sarete sicuramente in grado di rispondere! Non c’è persona più consapevole di una mamma… giusto? Condividete amiche, almeno chi leggerà, capirà e magari imparerà a farsi i fatti suoi!

di Federica