Eseguite questi semplici movimenti prima di dormire, risolverete ogni problema

Vi rigirate e rigirate nel letto, tutta la notte senza riuscire a prendere sonno? Sappiate che non siete le uniche! Più persone di quante voi pensiate hanno questo problema. Ma tante volte il problema può diventare veramente invalidante, compromettendo anche le attività giornaliere e non solo. Questo comportamento può sfociare in stati depressivi e in problemi alimentari, solo per citarne alcuni.

Oggi vogliamo consigliarvi alcune posizione yoga che vi aiuteranno si a prendere sonno, ma anche a dormire serenamente, senza più svegliarvi nel cuore della notte. Si tratta di movimenti molto semplici, adatti anche alle meno sportive, fidatevi, non avrete nessuna difficoltà! Se vi state avvicinando allo yoga per la prima volta, ricordate di non mantenere queste posizioni troppo a lungo: un minuto sarà sufficiente. Successivamente, potrete aumentare il tempo a 5 minuti, senza però mai eccedere.

  • Balasana: posizione del bambino.

Per chi ha problemi alle ginocchia non è proprio la più indicata! Per tutti gli altri si tratta di un movimento ottimo per rilassare il sistema nervoso, la schiena, le spalle, la pancia e la mente. Se il vostro bacino non riesce a toccare i talloni, potrete inserire in questo spazio una coperta o un asciugamano. inoltre rilassate le braccia stendendole davanti a voi o lasciandole andare lungo i fianchi, come nella foto.  Non dimenticate mai di respirare profondamente: questa posizione si presta a liberare il respiro, in modo particolare sulla schiena.

  • Supta Baddha Konasana: Posizione delle ginocchia piegate.

Molte persone chiamano questo asana (posizione): “posizione della farfalla”, infatti la posizione delle gambe ricorda proprio una farfalla. Sdraiatevi, con le braccia libere lungo il corpo, ruotate i fianchi e piegate le gambe, fino a che le piante dei piedi non si toccheranno perfettamente. In questa posizione le ginocchia non toccheranno mai a terra, è molto difficile, anche per i più flessibili! Per risolvere il problema potete piazzare degli asciugamani. Lasciatevi andare, respirate, utilizzando soprattutto la parte bassa della pancia.

  • Ruotare sulla schiena.

Sdraiatevi sulla schiena, cercate di portare le ginocchia verso il petto e prendete entrambe le con le mani. Se avete difficoltà fermatevi dove arrivate, non forzate la presa. Una volta raggiunto l’equilibrio ruotate con il corpo da un lato e poi da l’altro. Questa posizione è ottima per massaggiare la parte bassa della schiena, magari dopo una lunga e stancante giornata. Lasciate andare le spalle e le gambe, respirando lungo tutto il corpo. Attenzione a non stressare le ginocchia mentre le tenete piegate!

  • Supta Matsyendrasana: Piegati e girati di lato.

Sdraiatevi sulla schiena, piegate le gambe verso l’alto (all’altezza delle ginocchia). Raggiunta questa posizione, lasciate andare le gambe, tenendole piegate da un lato, e poi dall’altro. Quando piegate le gambe da un lato, non dimenticate di volgere la testa verso il lato inverso. Le braccia sono rilassate, aperte come una “croce”. Questa posizione è ottima per rilassare le spalle. Non dimenticate di eseguirla da entrambi i lati e come sempre, di respirare profondamente.

  • Matsyasana: Posizione del pesce.

Sdraiatevi a pancia in su con il viso rivolto verso l’alto. Fate scivolare i palmi delle mani lungo i fianchi, molto lentamente, e premete spingendo la parte superiore del vostro corpo verso l’alto. La testa segue questa posizione, il petto si inarca spingendo verso l’alto e le spalle si piegano leggermente verso l’interno. Alla fine, dovreste ritrovarvi a sorreggervi con i gomiti. Dopo aver inspirato ed espirato profondamente, tornate nella posizione iniziale, semplicemente sdraiati. Godetevi la sensazione di aver “aperto” il vostro petto.

  • Kapotasana: Posizione del piccione.

Questa posizione è adatta a chi ha già un pochino di esperienza con lo yoga. Seduti con le gambe piegate all’altezza delle ginocchia, stirate una delle due gambe dietro di voi, mentre l’altra rimane nella posizione iniziale. Le braccia rimangono lungo i fianchi e i palmi delle mani toccano terra. Il busto si apre in avanti e la testa è piegata volta verso l’alto. Una volta raggiunta la posizione, lasciate stirare tutto il corpo. Respirate profondamente. Vista la maggiore difficoltà di questo asana, consigliamo ai principianti di non rimanerci per più di un minuto. Non temete, con un po’ di pratica potrete restarci anche più un minuto!

  •  Meditazione. 

Questa è la posizione che tutti aspettavano: la meditazione. Utilizzatela in giornate particolarmente pesanti, stressanti… liberate la mente e lasciatevi andare. Seguite l’immagine: seduti, gambe incrociate, schiena e spalle dritte rivolte verso l’esterno. Mettete le mani sulle ginocchia e respirate profondamente. Concentratevi sul respiro, sulle sensazioni che vi trasmette. Ci rendiamo conto che non è affatto facile sgombrare la mente, ma fidatevi, piano piano imparerete e non potrete più farne a meno!

  • Paschimottanasana: Piegati in avanti

Mettetevi seduti, piegate la parte superiore del corpo in avanti, senza forzare, fin dove arrivate. gambe e bacino infatti devono restare rilassati. Quando vi prostrate in avanti, lasciate stirare la spina dorsale e respirate profondamente su questo movimento. Inizialmente forse non sarà facile assumere questa posizione, ma con il tempo vedrete evidenti miglioramenti, voi stessi vi meraviglierete della vostra flessibilità!

  • Viparita Karani: Posizione delle gambe lungo la parete

Cercate un po’ di spazio lungo le pareti e mettetevi in questa posizione. Sdraiatevi sulla schiena, collo e testa lungo il pavimento, fate aderire il bacino e le gambe completamente alla parete. Respirate profondamente, in modo particolare con la parte superiore del corpo.

Siete un po’ scettici? Tutto sta nel cominciare! Oltre ad avere evidenti benefici, c’è il vantaggio di poterlo praticare in casa, nella vostra privacy, senza lasciare i figli a nonne o baby-sitter. La scienza stessa conferma il potere salutare dello yoga per gli esseri umani. Fa bene al corpo e soprattutto alla mente, senza nessuna controindicazione. Da oggi non avrete più difficoltà nel rilassarvi prima dormire… scommettiamo??!!! OOOHHHMMM

di Federica