Il momento è arrivato: la rottura delle acque

 La rottura delle acque è un segnale inequivocabile: segna l’inizio del travaglio, ovvero il nostro bambino si prepara a nascere e il nostro corpo a farlo uscire. Il sacco amniotico, che fino a quel momento garantiva protezione al piccolo permettendo la crescita e i movimenti, si rompe e lascia fuoriuscire un liquido sieroso, trasparente e parti biancastre. E si, è proprio arrivato il momento della rottura delle acque.

Quali sono i sintomi?

Spesso e volentieri le donne scambiano questo liquido per una perdita involontaria di urina, ma alcuni indizi espliciti come il colore, l’odore e la frequenza con cui si perde il liquido, sottolineano che in realtà si sono “rotte le acque”. Care mamme il travaglio si sta avvicinando o addirittura è iniziato. La perdita può sembrare minima o enorme, oppure si presenta sotto forma di piccole fuoriuscite che possono durare anche alcuni giorni.

Come riconosce la rottura delle acque?

Si perde liquido, molto simile all’urina, in genere in abbondanti quantità. Il colore del liquido amniotico può essere il segnale di una buona salute del feto:

  • se il liquido è pulito e incolore, il bambino è in ottime condizioni;
  • se invece è verdastro è necessario raggiungere l’ospedale al più presto, questo segno rivela la presenza di meconio (le prime feci del piccolo) e quindi possibile sofferenza fetale.

Cosa fare?

  1. Mantenere la calma e sedersi;
  2. Potete telefonare a l’ostetrica per essere consigliate al meglio;
  3. Raggiungere l’ospedale in tempi brevi, per un consulto ginecologico;
  4. In seguito, in ospedale, verrà effettuato il monitoraggio per controllare il battito cardiaco del bambino.

Ogni donna vive un’esperienza diversa, ogni parto è unico, nessuno è uguale all’altro… cosa avranno detto le mamme al momento della “rottura delle acque”?? Ecco alcuni esempi…

  • “Ero in cucina a preparare la cena, quando all’improvviso sento una enorme quantità di liquidi sui  pantaloni che indossavo… La prima cosa che ho pensato è stata: ‘Mi sono fatta la pipì sotto!’ ma quando ho chiamato mia mamma mi ha spiegato che avevo rotto le acque, ci prepariamo ad andare in ospedale! Quella era la mia prima gravidanza!”.
  • “E ‘una sensazione molto strana, mi sono sentita come se avessi aperto un rubinetto nella mia vagina! Ogni volta che le contrazioni aumentato di intensità, la quantità di liquido che fuoriesce è altissima!”.
  • “Nel mio caso ho sentito un rumore come se qualcuno stesse schioccando le dita, poi un quantitativo enorme di liquido è sceso giù per le mie gambe…”.
  • “Ho pensato di aver urinato nei pantaloni. Sono andata in bagno a cambiarmi per tre volte prima di rendermi conto che non era affatto incontinenza urinaria, ma avevo rotto le acque!”.
  • “Ero in ospedale e l’infermiera mi ha raccomandato di camminare per accelerare le contrazioni, nel frattempo si sono rotte le acque, è stato molto imbarazzante davanti a tutti!”.

Avete iniziato così il viaggio più bello della vostra vita… Non resta che aspettare, il vostro bambino sta arrivando! Condividete pancine e pancione!

di Federica