Il neonato riconosce il papà? Si, ma quando?

Pochi giorni fa abbiamo scritto su come è risaputo che i bambini riconoscono la loro mamma già nella vita intrauterina, quindi prima di venire alla luce e avere direttamente il contatto con lei. Invece, i papà, quand’è che vengono riconosciuti come tali dai neonati? Scopriamo insieme come si crea questo misterioso legame padre-figlio…

Le ipotesi avanzate sono numerose, queste non negano che il riconoscimento possa verificarsi molto precocemente ed attribuirgli quindi tutta l’importanza che merita. Solitamente il papà ha un ruolo “secondario”, questo rispetto alla figura materna, ma in realtà sono valutati entrambi fondamentali per la crescita e lo sviluppo del piccolo. Molti studi hanno dimostrato che il neonato, fin dai primi giorni di vita, è in grado di riconoscere la voce e dunque la presenza del papà, questo perché ha imparato a differenziarla dalle altre, soprattutto durante il periodo della gravidanza. Non è affatto un caso se il vostro bambino si calma quando è tra le braccia del papà!!!

Trascorrere molto tempo insieme al papà è quindi di fondamentale importanza per il neonato, in quanto gli consente di instaurare un legame importantissimo e intimo che durerà nel corso di tutta la crescita, fino all’età adulta. Alcuni consigli per favorire questo rapporto? Praticare il co-sleeping, fare il cambio del pannolino, il bagnetto, le pappe… Tutte queste attività creano il contatto necessario per fortificare ed accrescere la relazione papà-neonato!

E noi mamme che cosa possiamo fare? Mettetevi vicino al vostro compagno quando prova a fare queste attività, gli uomini sono impacciati, insicuri, con la vostra vicinanza si sentiranno spronati a provare, ne trarrete beneficio voi ma soprattutto il vostro piccolino! Coinvolgeteli sempre, incoraggiateli e fateli sentire importanti!

Siete d’accordo? I vostri compagni o mariti che rapporto hanno con i vostri bambini?

di Lisa