Il video sulla manovra di rivolgimento e tutto ciò che dovreste sapere al riguardo

L’argomento di cui vogliamo parlarvi oggi è la manovra di rivolgimento. Qui in Italia è un argomento delicato e molto discusso ma negli altri paesi è sempre più utilizzato. Molte di voi non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando, le altre la considerano molto pericolosa. Ed è comprensibile…

Questa manovra provoca nella mamma paura e ansia ed è il medico stesso, ormai, a non proporla. Non solo, la manovra di rivolgimento deve essere praticata da mani “esperte” e “affidabili”. Ma in cosa consiste precisamente?

Con la parola rivolgimento si intende la “capriola” con cui il bambino viene catapultato nella giusta posizione di nascita, dalla posizione podalica a quella cefalica. Ogni donna, ogni futura mamma sogna di dare alla luce il proprio bambino con il parto naturale ma non sempre è possibile. Se il bambino si trova, al termine della gravidanza, ancora in posizione podalica, è impossibile proseguire con un parto naturale, o meglio è troppo rischioso, e il medico è costretto a programmare un parto cesareo per tutelare la salute di mamma e bambino.

Tenete presente che il cesareo è sempre e comunque un’operazione e come tale può portare anche a delle complicazioni (anestesilogiche e post-intervento). Chiunque di voi ha già partorito con un tc, sa già che la ripresa dopo il parto è più lunga e dolorosa rispetto a quella del parto naturale. Questa manovra è un’alternativa per le future mamme che non vogliono rinunciare al parto naturale e provarle tutte prima di dover decidere per il cesareo.

Ma si può fare sempre? Allora, la manovra di rivolgimento può essere fatta intorno a 36-37 settimane, quando oramai la speranza che il feto si giri è quasi nulla. Ma non può, assolutamente, essere eseguita nei seguenti casi:

  • Placenta previa
  • Scarso liquido amniotico
  • Ritardo di crescita del feto e alterazioni flussimetriche
  • Tracciato non rassicurante
  • Presenza di fibromi nella parete uterina
  • Progresso taglio cesareo

Il tutto dovrà essere effettuato sotto il costante e attento controllo medico, tramite l’ecografia. C’è la possibilità che la manovra non riesca e, in questo caso, non va fatta insistenza. Quindi, di conseguenza, il parto sarà con taglio cesareo. Questa manovra, nella maggior parte dei paesi viene considerata a basso rischio, anche se qui in Italia è esattamente il contrario. Io non l’ho mai provata e nemmeno conosco qualcuna che l’abbia fatto, quindi non mi sento di giudicare. Il video che voglio mostravi qui di seguito ha come protagonista un medico esperto che effettua la manovra di rivolgimento su una donna in dolce attesa, riuscendoci con successo e consentendo, poi, alla futura mamma di partorire in modo naturale. Guardate:

Qualcuna di voi ha fatto questa manovra? Qual’è la vostra opinione in merito all’argomento?

di Lisa