La foto della discordia

Si dice che le relazioni a distanza non funzionino… ma non sempre è così. Una relazione non ha bisogno di presenza fisica se è forte… e, nello stesso tempo, una relazione debole rischia di spezzarsi anche se i coniugi stanno sempre insieme. Quello che serve a una relazione è l’amore e il rispetto, due componenti fondamentali che sono gli unici indispensabili veramente.

E, in questa storia, non ci sono questi due componenti… I protagonisti sono un uomo e una donna, una giovane coppia. Lui viaggia spesso per lavoro e lei rimane a casa ad aspettarlo. L’uomo non si fida molto e la chiama spesso, chiedendole informazioni dettagliate su quello che fa…

E lei, per tranquillizzarlo, lo accontenta ogni volta. Ma sembra che le sue paure non siano poi così infondate. Un giorno lui le chiede cosa stesse facendo e lei gli risponde che si era appena svegliata. Lui le chiede una foto e lei lo accontenta. Mette il cellulare sul comò e con l’autoscatto si fa una foto…

In questo caso, forse, sarebbe stato meglio farsi un selfie e presto capirete il motivo. Scattata la foto la donna gliela manda con messenger e il marito, appena la vede, chiama l’avvocato e avvia le pratiche per il divorzio, incolpandola di infedeltà.

La donna prova a difendersi e a negare ma un particolare nella foto la tradisce. Guardatela meglio… vedete cosa spunta da sotto il letto?

È la mano dell’amante che aveva ben pensato di nascondersi sotto al letto per non farsi vedere nello scatto. Pessima idea perché così il marito ha capito che la moglie era infedele.

Se la donna avesse fatto un selfie forse il marito non avrebbe visto la mano che spuntava da sotto al letto. Ma, forse era destino, no? Ricordate che le bugie hanno sempre le gambe corte….